Adidas: utile netto in flessione del 38% su base annua. Pesa il calo delle vendite in Cina

6 Maggio 2022, di Redazione Wall Street Italia

Adidas abbassa le aspettative per il 2022 dopo un crollo nel primo trimestre, mentre i nuovi lockdown legati al COVID-19 in Cina continuano a colpire l’azienda tedesca di abbigliamento sportivo.
Il fatturato del primo trimestre si è ridotto del 3% a 5,3 miliardi di euro (5,58 miliardi di dollari), mentre l’utile da operazioni continue è sceso del 38%, a 310 milioni di euro. In Cina, le vendite sono crollate del 35% nel primo trimestre e per l’anno, ci si aspetta che le entrate scendano significativamente a causa delle chiusure di negozi e dei forti cali di traffico. “In questo ambiente, caratterizzato da gravi sfide esterne, è imperativo rimanere concentrati sui nostri obiettivi strategici”, ha detto l’amministratore delegato Kasper Rorsted. L’azienda si aspetta un ritorno alla crescita nel secondo trimestre, nonostante il continuo calo delle vendite e un impatto negativo di 200 milioni di euro dai vincoli della catena di approvvigionamento.
Nella seconda metà del 2022, le vendite nette dovrebbero crescere di oltre il 20%, spinte, tra l’altro, da un’offerta non vincolata, da un forte slancio nei mercati occidentali e dai grandi eventi sportivi.