A2A: utile netto in crescita, proposto dividendo a 0,041 euro

6 Aprile 2016, di Alessandra Caparello

MILANO (WSI) – Utile netto in crescita del 58,9% nel 2015 rispetto all’anno precedente per la A2A, che arriva a quota 278 miliardi di euro, proponendo un dividendo di di 0,041 euro per azione, in crescita del 13% sul 2014.

Sono scesi dell’1,3% rispetto al 2014 i ricavi consolidati e questo a causa dei minori volumi di energia elettrica venduti ai clienti finali e per il tonfo dei prezzi di vendita di gas e di elettricità, compensati però in maniera parziale da maggiori ricavi conseguiti sui mercati all’ingrosso elettricità e gas. In crescita del 2,3%, il margine operativo lordo dell’A2A che ha raggiunto nel 2015 quota 24 milioni di euro.
È pari a 215 milioni di euro, in calo di 147 milioni rispetto al 2014, invece il risultato operativo netto, mentre la posizione finanziaria netta si è ridotta di 466 milioni di euro ed è pari a 2,897 miliardi.

Nel piano strategico 2016-2020 approvato ieri si prevede un aumento degli investimenti del 7% rispetto a quanto previsto dal piano 2015-2019, pari a 2,2 miliardi in cinque anni. In crescita secondo le previsioni anche l’ebitda con 1,3 miliardi di euro di margine operativo lordo nel 2020 (+24,4% rispetto ai risultati 2015). Ecco le parole dell’ad Luca Valerio Camerano.

“Il piano vuole riprendere e rilanciare i temi strategici individuati da quello precedente, rafforzando gli interventi di efficienza, sviluppo industriale nel core business e crescita esterna per far fronte al peggioramento dello scenario energetico di mercato (…) I target non includono i possibili miglioramenti derivanti dalle attività di M&A e aggregazioni territoriali in corso, che possono rappresentare allo stesso momento opportunità di miglioramento ulteriore e occasioni di bilanciamento al normale rischio di esecuzione di un piano”.