NEW ECONOMY UE: UPGRANDINGS E DOWNGRANDINGS

20 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Baltimore Technologies (Londra, TechMark): BUY.

JP Morgan ha confermato il rating su Baltimore Technologies che resta “Buy” con un target sul prezzo per i prossimi 12 mesi a 437 pence. Gli analisti hanno però rivisto al ribasso le stime relative al fatturato dell`impresa irlandese per quanto riguarda il primo trimestre di quest’anno: da 32,5 a 30,5 milioni di sterline. JP Morgan attende inoltre per il primo trimestre un margine operativo lordo in rosso di 9,6 milioni di sterline (stima precedente: – 8,7 milioni di sterline).

Secondo gli esperti della banca d`affari Baltimore dovrebbe fatturare quest`anno circa 154 milioni di sterline e raggiungere un Margine operativo lordo positivo.

Baltimore è uno dei principali fornitori di soluzioni per la sicurezza delle comunicazioni e delle transazioni su Internet e su reti private.

Biodata (Francoforte, Neuer Markt): OUTPERFORMER

Morgan Stanley Dean Witter ha giudicato oggi Biodata, azienda quotata nel Nemax 50, l`indice delle blue chip del Neuer Markt, “Outperformer”. Biodata è specializzata nella produzione di soluzioni di software per la sicurezza informatica.

Secondo gli analisti di MSDW il settore dei software per la sicurezza dei dati non starebbe soffrendo il rallentamento della congiuntura negli USA. Biodata sarebbe in questo mercato in un`ottima posizione, gli affari nel primo trimestre starebbero andando secondo le previsioni dell`impresa.

Business Objects (Parigi, Nouveau Marché): BUY

Merrill Lynch ha confermato il giudizio di “Buy” su Business Objects. L`analista Scott Phillips stima che il titolo avrebbe un potenziale del 100%. Secondo Phillips le prospettive per l`impresa sarebbero molto positive, inoltre le previsioni relative ai dati di bilancio di quest`anno sarebbero state fatte in modo molto conservativo.

Business Objects è da considerare il leader mondiale nell’ambito dell’e-business intelligence (e-BI), l’innovativo paradigma tecnologico che permette di trasformare i dati aziendali in un vantaggio di business grazie alla combinazione tra business intelligence e tecnologia Internet.

Intershop (Francoforte, Neuer Markt): NEUTRAL

Merrill Lynch ha rivisto al rialzo il suo rating su Intershop: da “Reduce” a “Neutral”.
Nonostante le aspettative per i prossimi trimestri non siano molto positive l`attuale bassa capitalizzazione di Borsa mostrerebbe che il mercato ha punito abbastanza Intershop.
Secondo gli strateghi di Merrill Lynch chi possiede titoli di Intershop non li dovrebbe quindi più vendere.

Intershop, il principale fornitore europeo di software per i siti di e-commerce ed uno dei mostri sacri della new economy tedesca, è stata una delle “stelle cadenti” al Neuer Markt degli ultimi mesi. L`impresa aveva scioccato gli investitori, all’inizio dell’anno, rivedendo al ribasso le proprie previsioni di fatturato e di utili. Il titolo aveva perso, in conseguenza, circa il 70% del suo valore in soli due giorni.