Natale: Codacons, stime troppo ottimistiche da Confcommercio

25 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Le previsioni di Confcommercio relative alla spesa degli italiani durante le prossime festività natalizia, appaiono per il Codacons eccessivamente ottimistiche, e rischiano di scontrarsi con una realtà assai diversa. “La condizione economica degli italiani non è certo migliorata rispetto allo scorso anno, e la percezione della crisi e di un livello troppo alto di prezzi e tariffe è ancora forte nei cittadini – spiega il Presidente Carlo Rienzi – Ciò significa che non ci sarà alcuna corsa all’acquisto o impennata dei consumi, e la spesa procapite per le festività sarà in linea con quella del Natale 2009, ferma a quota 200 euro’. In base ad una indagine preliminare del Codacons sui consumi natalizi, il calo più elevato si registrerà nel settore degli addobbi per la casa (con riduzioni degli acquisti superiori al 10% rispetto al 2009), mentre i settori che registreranno ottime vendite saranno l’Hi-tech, che può contare su una vasta scelta di prodotti e prezzi in costante calo, e gli alimentari, grazie alla tradizione del cenone, irrinunciabile per gli italiani. “Se davvero si vuole ottenere una ripresa dei consumi, occorre anticipare i saldi al 15 dicembre – afferma Rienzi – e permettere ai consumatori di fare acquisti senza rinunce. La data del 6 gennaio per l’avvio degli sconti di fine stagione, porterà molti cittadini a limitare la propria spesa durante le festività, in attesa dei saldi’.