NASDAQ: UNA SETTIMANA DA RECORD ASSOLUTO (+19%)

4 Giugno 2000, di Redazione Wall Street Italia

Quella appena passata e’ stata la migliore settimana in assoluto per l’indice Nasdaq Composite, che ha messo a segno un clamoroso rialzo del 19%.

Dopo due mesi consescutivi di crollo dei prezzi a Wall Street, gli investitori si sono buttati di nuovo a comprare titoli tecnologici, sulla base di un presupposto ancora da verificare: che alla luce del rallentamento dell’economia americana, la Federal Reserve sia ormai quasi al termine della sua manovra di rialzo dei tassi d’interesse Usa.

L’indice dei titoli tecnologici e’ salito di 608 punti in una settimana composta da quattro sedute (lo scorso lunedi’ le borse Usa erano chiuse per il Memorial Day) chiudendo a quota 3813.

Il Nasdaq Composite e’ adesso in ribasso del 6,2% dal gennaio 2000, dopo essere stato in calo del 21% all’inizio della scorsa settimana.

L’indice ha messo a segno il piu’ forte rialzo in percentuale nei suoi 19 anni di storia martedi’ scorso, con +7,9%, cioe’ 254 punti. Venerdi’ la crescita e’ stata di +6,4%, il quinto maggior rialzo in assoluto.

Sia il Dow Jones che lo Standard & Poor’s 500 sono saliti in settimana, ma poco, in paragone al Nasdaq. Il Dow e’ cresciuto di 495 punti, cioe’ il 4,8%, e ha chiuso a quota 10794. Mentre lo S&P 500 ha messo a segno un rialzo di 99 punti (+7,2%) a quota 1477.

Il Dow Industrials e’ ancora giu’ del 6% quest’anno, mentre lo S&P 500 si e’ riportato (di poco) in territorio positivo, ed e’ in rialzo dello 0,6% nel 2000.

Il rally e’ stato alimentato dal rapporto sulla disoccupazione Usa di maggio, che con un incremento dello 0,2% al 4,1% confermerebbe il rallentamento dell’economia e quindi forse l’efficacia gia’ in atto della manovra sui tassi impostata dalla Federal Reserve. Il rallentamento fisiologico e non traumatico viene festeggiato, a Wall Street.

Il rialzo dei prezzi ha coinvolto tutti i titoli tecnologici, con le blue chips come Cisco Systems (CSCO), Oracle (ORCL), Intel (INTC) e Sun Microsystem (SUNW) a tirare la volata anche agli altri titoli, compresi stavolta anche quelli del settore internet cosi’ bistrattati negli ultimi mesi.

Tra gli altri, Amazon.com (AMZN) e’ salita di 11 e 3/8 a 57 e 7/8, eBay (EBAY) e’ cresciuta di 15 e 1/8 a 77 e 3/16, Yahoo! (YHOO) di 22 e 1/2 a 134 e 1/2, JDS Uniphase (JDSU) di 30 e 1/8 a 110 e 3/8.

(verificare gli ultimi prezzi digitando nome o simbolo dell’azienda su quotazioni interattive di Wall Street Italia).