NASDAQ: PROSPETTIVE DOPO IL TAGLIO AI TASSI

28 Giugno 2001, di Redazione Wall Street Italia

La manovra della Federal Reserve, che mercoledi’ ha approvato un taglio ai tassi di 25 punti base, ha interessato in maniera minore l’andamento del Nasdaq Composite.

Dopo la diffusione della decisione, l’indice e’ sceso da 2.054 a 2.048, per poi recuperare qualche punto e chiudere a 2.074,74.

Il trend di brevissimo periodo indica che, se il Nasdaq mantiene quota 2.040, potrebbe continuare a salire, probabilmente anche riempendo lo spazio, o gap, presente sul grafico a quota 2.120.

Sul lungo periodo, qualora il Nasdaq tenga quota 1.940, l’indice potrebbe salire fino a 2.270. Si e’ pero’ in presenza di forte resistenza e si prevedono vendite in ogni tentativo di rally.

Tuttavia, su un piu’ lungo periodo, il Nasdaq, fino a che rimane sotto area 2.400, potrebbe anche scendere ai recenti minimi di 1.619,58.

Il tono attuale dei mercati azionari e’ teso alla cautela.

Gli investitori individuali potrebbero intelligentemente mantenersi da parte e attendere segnali che mostrino che il peggio sia ormai alle spalle.

Per ora, i grafici di lungo termine continuano a suggerire un calo dei prezzi azionari, e ogni opportunita’ di acquisto e’ piu’ indicato per gli investitori di breve piu’ aggressivi, che sanno come gestire il rischio.

*Michele Mondiello e’ chief market analyst di Wall Street Italia.

SULL’ARGOMENTO VEDI ANCHE:


SPECIALE: LA FED TAGLIA I TASSI DELLO 0,25%