NASDAQ AFFONDA, DOW IN LOTTA PER RESTARE A GALLA

27 Agosto 2002, di Redazione Wall Street Italia

Diversa, a meta’ giornata, la situazione degli indici piu’ importanti: Il Dow Jones lotta per conquistare il territorio positivo mentre il Nasdaq sembra ormai imbrigliato sul fronte dei ribassi. Ad accumunare entrambi gli indici sono pero’ debolezza e nervosismo in seguito a diverse notizie negative provenienti sia dal fronte macroeconomico che societario. In primo luogo va segnalato il dato, ancora una volta in calo, relativo alla fiducia dei consumatori che ad agosto ha raggiunto il livello piu’ basso dal novembre 2001. L’indicatore, comunicato alle 16.00 (le 10.00 ora di New York) e’ andato subito ad oscurare l’ottimo dato sugli ordini di beni durevoli di luglio che, registrando un’impennata dell’8,7% aveva portato entusiasmo tra gli investitori e gettato le basi – a quanto pare non molto solide – per proseguire i rialzi di ieri . Incerto quindi lo scenario economico che si presenta agli occhi degli investitori. Emergono anche una volta le preoccupazioni per la ripresa dell’economia e degli utili societari.

Verificare aggiornamento indici IN TEMPO REALE in prima pagina

E a proposito di preoccupazioni per gli utili societari, a mortificare i cauti entusiasmi di ieri questa mattina sono arrivati il ‘profit warning’ sul terzo trimestre 2002 e le dichiarazioni sconfortanti sulla domanda di chip e personal computer del colosso dei semiconduttori Intel (INTC – Nasdaq). Sul settore chip infierisce anche la nota negativa della banca d’affari Prudential che ha tagliato stime su utili e fatturato dei giganti asiatici chip Taiwan Semiconductor (TSM – Nyse) e United Microelectronics (UMC – Nyse) .
Brutte notizie poi PER il settore retail (DJ_RTS). La banca d’affari Merrill Lynch ha infatti tagliato il rating di un vasto numero di titoli tra cui Wal-Mart (WMT – Nyse), Costco (COST – Nasdaq), Target (TGT – Nyse), JC Penney (JCP – Nyse).

Ad aiutare il listino industriale ci provano le blue chip Boeing (BA – Nyse), Philip Morris (MO – Nyse) sulla scia di alcune buone notizie. Bene anche Exxon Mobil (XOM – Nyse) che beneficia dell’aumento del prezzo del petrolio. Sul Nasdaq e’ da segnalare il leggero rialzo del settore wireless (YLS) dopo la comunicazione delle vendite di cellulari nel secondo trimestre.

Nel frattempo gli scandali della Corporate America continuano a gettare ombre sulla fiducia degli investitori. Sotto i riflettori c’e’ anche oggi Citigroup (C _ Nyse) che comincia a tirar fuori dall’armadio i suoi scheletri: nell’ambito dell’indagine sui conflitti d’interesse avviata dal procuratore di New York Eliot Spitzer, la banca d’affari Salomon Smith Barney, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, avrebbe ammesso pubblicamente il trasferimento di migliaia di azioni di IPO a dirigenti WorldCom (QCOEQ – Nasdaq).

Ad aggiungere nervosismo sui mercati, le preoccupazioni su un possibile attacco militare americano contro l’Iraq sulla scia dei commenti aggressivi espressi lunedi’ sera dal vice presidente americano Dick Cheney. E i timori di un nuovo conflitto portano il prezzo del petrolio in rialzo, anche dopo la notizia che il Venezuela non supporterebbe un incremento della produzione da parte dell’OPEC.

OCCHI PUNTATI IN PARTICOLARE SU…

Sotto i riflettori il colosso informatico Hewlett Packard (HPQ – Nyse) che oggi a mercati chiusi annuncera’ la trimestrale. L’attesa e’ negativa, diverse banche d’affari nei giorni scorsi hanno infatti anticipato che il gruppo potrebbe lanciare un ‘profit warning’.

I TITOLI E I SETTORI IN MOVIMENTO

In guadagno il colosso del tabacco Philip Morris (MO – Nyse) che secondo voci di mercato potrebbe annunciare presto un incremento del dividendo.

WIRELESS (YLS) IN CRESCITA.
A portare in rialzo il settore le buone notizie sulle vendite di cellulari. Secondo lo studio pubblicato dalla società Gartner, nel secondo trimestre le vendite di telefonini sono state pari a 98,7 milioni di unità, in crescita dello 0,8% rispetto allo stesso periodo del 2001. Nokia (NOK – Nyse) rimane il leader, con una quota di mercato del 35,6% e un balzo in avanti delle vendite del 5%. La migliore performance è stata realizzata da Samsung che ha visto aumentare le vendite del 46% e la sua quota di mercato salire al 9,5% dal 6,5%. Tra i titoli in rialzo, Ericsson (ERICY – Nasdaq) e Nextel (NXTL – Nasdaq).

SEMICONDUTTORI (SOX). IN FORTE CALO. Sul settore pesano le brutte notizie arrivate dal colosso Intel e la nota negativa di Prudential su due giganti asiatici.

FINANZIARI (DJ_DIN). IN LEGGERO RIALZO. Il settore ha recuperato le perdite della mattina. Il gigante finanziario Citigroup rimane pero’ in calo, nell’occhio del ciclone per l’indagine sui conflitti d’interesse.

DIFESA (DFX) IN CRESCITA.
In recupero anche Boeing (BA – Nyse) che potrebbe essere vicina ad un accordo con il sindacato in merito al rinnovamento del contratto dei macchinisti.

SOFTWARE (GSO) IN CALO.
In rosso sia Microsoft (MSFT – Nasdaq) che Oracle (ORCL – Nasdaq). Ricordiamo che ieri la banca d’affari ha tagliato le stime sugli utili di Oracle e il titolo ha chiuso in ribasso.

BIOTECH (BTK). GIU’.
Sul settore si fa ancora sentire l’articolo negativo di ieri del Wall Street Journal che sottolineava come per i produttori di farmaci “blockbuster” potrebbero esserci presto problemi visto che i produttori di farmaci generici stanno facendo pressioni sul Congresso per spingere la Food and Drug Administration a varare una regolamentazione per l’approvazione dei farmaci generici. In rosso sia Amgen (AMGN – Nasdaq) che Biogen (BGEN – Nasdaq).

FARMACEUTICI(DRG) IN RECUPERO.
Passa in positivo Johnson&Johnson (JNJ – Nyse), alle prese con un causa legale intentata da un dipendente, della sua sede di Portorico, che l’accusa di una richiesta di falsificazione di documenti riguardanti il farmaco Eprex. L’FDA, l’ente di controllo dei farmaci ha comunque comunicato di non voler entrare nella causa.

PETROLIFERI (XOI) IN SALITA.
Sulla scia del rialzo dei prezzi del petrolio mettono a segno buoni guadagni Exxon Mobil (XOM – Nyse) e Royal Dutch (RD – Nyse).

Per avere tutti i dettagli clicca su WSI TITOLI CALDI , in INSIDER.