NAPSTER: DAL GIUDICE UN ESCAMOTAGE IMPREVISTO

6 Marzo 2001, di Redazione Wall Street Italia

Un giudice federale ha ordinato oggi a Napster di eliminare dal sito tutti i file coperti da copyright.

La sentenza non tiene conto tuttavia quanto gli utenti possano fare per aggirare il problema rinominando i titoli delle canzoni presenti nei loro computer.

Il giudice federale Marilyn Hall Patel ha implicitamente riconosciuto questa possibilita’ quando ha affermato: “Data la natura di Napster, questo tribunale ritiene che sara’ complicato per le case discografiche identificare quali file debbano essere eliminati”.

Nella sentenza di oggi, infatti, il giudice sostiene che il punto chiave della causa era bloccare l’acceso ai file protetti da diritto d’autore e non esaminare i vari escamotage degli utenti per aggirare il problema.

Napster ha adesso tre giorni per eliminare i file sotto accusa dal sito. Saranno le case discografiche che dovranno fornire a Napster l’elenco dei file che vogliono elinati dal sito e tutte le possibile variazioni sul titolo.

Napster scampa cosi’ il pericolo di chiudere il sito Web che consente agli utenti di scambiarsi file musicali.