MUTUI USA: PIGNORAMENTI AI MASSIMI DA 29 ANNI

5 Giugno 2008, di Redazione Wall Street Italia

Sale ai massimi da quasi trent’anni il numero di americani che rischia di perdere la casa a seguito di pignoramenti.

Nel primo trimestre, i nuovi pignoramenti immobiliari hanno segnato un rialzo allo 0,99%, in aumento rispetto al +0,83% del quarto trimestre 2007, salendo ai massimi dal 1979. Lo rende noto la Mortgage Bankers Association (Mba), l’associazione che riunisce gli operatori Usa che erogano prestiti ipotecari, precisando che il totale delle abitazioni sotto pignoramento è salito al 2,47%.

In aumento nei primi tre mesi del 2008 anche il tasso di insolvenza (che riguarda i ritardi nei pagamenti delle rate del mutuo) è cresciuto al 6,35% (contro il 4,84% dello stesso periodo del 2007). Anche in questo caso si tratta del livello massimo dal 1979.