MUTUI: LEHMAN E BEAR STEARNS CONTRO GOLDMAN

16 Luglio 2008, di Redazione Wall Street Italia

Lehman Brothers e Bear Stearns puntano il dito contro Goldman Sachs, sulla quale grava il sospetto di aver, anche indirettamente, messo sotto pressione i titoli delle due banche d’affari.

Secondo alcune indiscrezioni sia Alan Schwartz, numero uno di Bear Stearns nei giorni del collasso, che Richard Fuld, ad di Lehman, avrebbero contattato separatamente il chief executive officer di Goldman Lloyd Blankfein, per chiedere spiegazioni e informazioni sui rumors di alcune manovre condotte da trader Goldman sui titoli delle due società.

La Securities and Exchange Commission avrebbe convocato la stessa banca nel quadro delle indagini che sta conducendo in merito ai sospetti di manipolazione sui titoli in questione.

Da quanto si legge sul Wall Street Journal, l’organo di controllo americano ha inviato citazioni a numerosi gestori di hedge funds per ottenere dati su scambi e comunicazioni relativi a vendite allo scoperto e trading di opzioni sia su Bear che su Lehman Brothers.