Mutui immobiliari Usa: imbroglia le carte, e vinci un’auto!

19 Ottobre 2010, di Redazione Wall Street Italia

Alcuni dipendenti di una delle piu’ grandi societa’ della Florida specializzate in pignoramenti di case (foreclosure) hanno ricevuto gioielli, auto e perfino appartamenti dalla loro azienda in cambio di un lavoretto semplice semplice: alterare e falsificare i documenti relativi alla procedura di mancato pagamento del mutuo e quindi la procedura di espropriazione dell’immobile. Lo si legge nell’atto di accusa del Florida Attorney General’s Office, cioe’ la Procura dello stato, il giudice insieme a tutti gli altri stati americani sta indagando sulle immense frodi perpetrate sul mercato immobiliare Usa. Lo scandalo dei mutui, scoppiato in America nell’estate del 2007, non solo ha portato alla piu’ grande crisi finanziaria e alla peggiore Recessione degli ultimi 70 anni, poi propagatasi al resto del mondo, ma invece di esaurirsi monta e peggiora di settimana in settimana.

Il Florida Attorney General’s Office ha reso pubbliche le trascrizioni degli interrogatori che ha condotto durante l’indagine nell’ufficio legale di David J. Stern. La testimonianza giurata e’ di Kelly Scott, ex impiegato di Stern e Mary R. Cordova, a sua volta ex dipendente di G&Z, una societa’ utilizzata nelle procedure di pignoramento dallo studio legale Stern. Agli atti anche la testimonianza di Tammie Lou Kapusta, che corrobora i fatti.

In poche parole gli stessi avvocati e gli impiegati dello studio legale erano impegnati dalla mattina alla sera a falsificare firme, cambiare le date, passarsi i timbri dell’approvazione notarile, tutti in una stanza seduti intorno a un lungo tavolo. Due volte al giorno, si legge negli atti, il chief operating officer Cheryl Samons “entrava nella stanza e firmava 500 documenti di fila senza nemmeno dargli un’occhiata”.

Per il lavoro svolto, “lo studio legale Stern pagava regolarmente il conto del mutuo mensile sulla casa di alcuni dipendenti, il costo mensile del leasing dell’auto, la bolletta elettrica e quella del cellulare”. Stern “compro’ anche alla Samons una BMW nuova di zecca e ad altre impiegate aveva regalato gioielli”. L’avvocato Stern, sempre secondo le trascrizioni degli interrogatori del Florida Attorney, “acquisto’ per il dipendente David Vargas una casa, un’auto e un cellulare”. Fannie Mae e Freddie Mac, le due agenzie governative Usa che assicurano circa $5 trilioni di mutui negli Stati Uniti (al centro di un mega salvataggio da centinaia di miliardi di dollari nel 2008) erano “i bambini” di Stern, ha raccontato un testimone.