Mutui: domanda famiglie quasi dimezzata in gennaio

28 Marzo 2012, di Redazione Wall Street Italia

Roma – A picco la domanda di mutui ipotecari da parte delle famiglie italiane che a gennaio ha registrato una flessione pari a -41% rispetto allo stesso meso dello scorso anno. Si tratta di un inizio d’anno ”pesantemente negativo, confermando il costante calo iniziato all’inizio dello scorso anno e culminato con -46% di novembre e -44% di dicembre” spiega la nota del Crif.

Il Crif sottolinea come a gennaio 2012, si sia registrato un aumento dei mutui con durata tra 20-25 anni, sebbene la scadenza preferita dalle famiglie resti quella compresa tra 25-30 anni, con una quota del 30% sul totale. L’importo medio richiesto e’ pari a 134 mila euro, una retromarcia verso i valor prevalenti nel gennaio 2009. ‘

‘La tendenza a richiedere mutui con una durata piu’ lunga e importi piu’ contenuti rappresenta un ulteriore conferma della cautela che sta caratterizzando il comportamento delle famiglie italiane.

Del resto, a fronte di una domanda ancora negativamente influenzata da una elevata incertezza anche l’offerta di credito si e’ indebolita, condizionata anche da politiche di erogazione che negli ultimi anni sono state piu’ caute e selettive” sottolinea il Crif. Il 2012 si annuncia comunque difficile dopo un 2011 che ha registrato una contrazione dei mutui pari a -19%, nel 2010 +1%, nel 2009 +7%, nel 2008 -4%.