Mps, shock in Borsa. Via al toto nomine

30 Dicembre 2013, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Mps: una saga che continua ormai da anni, e che continua a far tremare soprattutto i piccoli azionisti che hanno puntato sul titolo. Shock in borsa, dopo che l’assemblea ha deciso di far slittare a maggio l’operazione di aumento di capitale.

Il titolo non riesce a fare inizialmente prezzo, segnando un calo teorico -6%, per poi aprire più di mezz’ora dall’inizio della seduta con una flessione -4,51% e ridurre le perdite. Fino a virare in territorio positivo, e limare infine i guadagni con un timido rialzo +0,17% a 0,1733 euro.

Antonella Mansi, numero uno della Fondazione, tenta di salvare le apparenze, e afferma che la Fondazione Mps non ha sfiduciato i vertici della banca, augurandosi che Alessandro Profumo e Fabrizio Viola restino ai loro posti.

In una intervista rilasciata al Corriere della Sera, Mansi precisa: “Mi auguro che restino perchè la fondazione e l’assemblea non hanno criticato il piano su cui si sono impegnati. Ne hanno chiesto solo l’applicazione differita, di pochi mesi, sempre nell’ambito dei tempi dati dall’Ue”.

Ancora: “Noi siamo in una situazione in cui nessuno può chiederci di suicidarci” e “io personalmente avrei evitato il 99% di tutto questo. E guardi che l’unica forma di mediazione l’abbiamo fatta noi, perchè la banca non mi pare, anche dalle dichiarazioni fatte, che abbia mai espresso la volontà di venirci incontro”.

Per il fututo, “se posso esprimere un auspicio è che nell’azionariato ci sia una rapresentanza della fondazione, sia pure ridotta, anche se non è per nulla scontato. Io spero che ci sia perchè questo potrà essere l’unico legame con il territorio”.

Intanto, a Siena il toto-nomine è già partito: le dimissioni di Profumo vengono considerate ormai scontate, e si fanno i nomi dei suoi potenziali successori; si parla di Carlo Salvatori e Lorenzo Bini Smaghi.

MPS, TUTTE LE NEWS SULLA CRISI E GLI SCANDALI:

Mps: alert perdite azionisti, scontro con Fondazione su aumento capitale.

Monte Paschi accelera per aumento capitale da 3 miliardi.

Mps: maxi aumento di capitale e 8.000 esuberi.

Rumor di una fusione tra Banca Intesa e MPS.

Mps: Tesoro pronto a entrare nel capitale.

Adusbef chiede di nazionalizzare Mps.

Scandalo Mps: sanzioni per 1,3 milioni al vecchio cda.

Mps: rosso da 380 milioni. E ha sempre più derivati.

Mps: Codacons chiede dimissioni di Saccomanni.

MPS: ecco come vertici ingannarono i soci.

MPS, azionisti: “banca regalata agli stranieri”.

Fmi: “Italia sia pronta ad agire su Mps”.

MPS: inchiesta Antonveneta si allarga in Spagna.

Mps, la carica dei risparmiatori contro la Consob.

Rumor MPS: verso aumento di capitale da 2 miliardi.

Rizzo incastra banda 5%. Tedeschi vogliono farlo fuori.

Così MPS imbrogliava Bankitalia e Antitrust.

cosa dicono i conti dopo scandalo derivati.

Non solo MPS: truffe “banda del 5%” sistema diffuso .

MPS: potremmo non riuscire a rimborsare Monti Bond.

MPS: le mosse segrete di Bank of New York e Bankitalia per scongiurare nazionalizzazione.

Mps: spunta prestito Bankitalia nascosto da 2 miliardi.

MPS: Mussari come Craxi, accolto da insulti e lancio di monetine.

Per salvare MPS allo studio fusione con BNP Paribas.

Indagini su “MPS leasing”: nuovi sequestri e perquisizioni.

Mps, Grilli: “Non c’è bisogno di un salvataggio”. La Procura: “Situazione esplosiva”.

Scandalo Mps: truffa agli azionisti e tangenti intascate dai manager. Per anni.

Elezioni: effetto MPS sui sondaggi, Grillo in rimonta.

Mps: bancomat della sinistra. Il patto con Santander e JP Morgan.

Mps, Monti: “Il Pd c’entra”. La Banca d’Italia (epoca Draghi) è responsabile?.

Salvataggio stato MPS: Draghi contro Monti.

Senza vergogna, aiuti di stato a MPS salgono a 4,45 miliardi.

MPS salvata in extremis: modifiche ai Monti Bond.

L’agonia di MPS: la banca “spazzatura”.

Vincono sempre le lobby, a MPS aiuti statali cinque volte il valore di mercato.