Mps riapre il mercato delle cartolarizzazioni

3 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

E’ da tre anni che in Italia non c’e’ l’ombra di emissioni di cartolarizzazioni per gli investitori. A rompere l’impasse potrebbe presto essere Banca Monte dei Paschi che cosi’ mette alla prova il comparto messo in ginocchio dalla peggiore crisi finanziaria dagli anni ’30.

Stando a Reuters, che cita due fonti vicine all’operazione, l’istituto starebbe studiando un’operazione di cartolarizzazione di mutui casa (joint lead manager sarebbero MPS Capital Services, Royal Bank of Scotland e JP Morgan) e offrirà al mercato due delle cinque classi frutto della securitisation.

“Sul mercato andranno le classe A1 e A2 che hanno rating AAA da Fitch e Moody’s”, ha spiegato una delle fonti a Reuters. “La vita media attesa della prima dovrebbe essere 1,58 anni mentre per la seconda tra i 3 e i 3,5 anni, a seconda della ‘size’ che è ancora tutta da definire per entrambe”, aggiunge.

In questa operazione, ribattezzata Siena Mortgages 7, non verranno cedute le classi A3, B e C. Il pricing dell’operazione dipenderà dalle condizioni di
mercato. Al momento i libri ordini sono ancora chiusi.

Durante la crisi finanziaria nata dai mutui subprime, infatti, le banche ricompravano i titoli mortgage-backed emessi per utilizzarli come collaterali nelle operazioni di rifinanziamento della Bce.