Mps crolla in borsa dopo l’ok alla ricapitalizzazione della Bce. Analisi tecnica del titolo

5 Settembre 2022, di Gianmarco Carriol

Monte dei Paschi di Siena (Mps) ha reso noto oggi che la Banca Centrale Europea ha approvato una proposta di aumento di capitale, una ricapitalizzazione di 2,5 miliardi, in vista dell’assemblea degli azionisti del 15 settembre chiamata a votare sulla nuova emissione di azioni. Il Monte dei Paschi, che è di proprietà dello Stato al 64% dopo un salvataggio del 2017, prevede di raccogliere fino a 2,5 miliardi di euro in contanti entro metà novembre per mandare il personale in prepensionamento, investire in tecnologia e rafforzare le proprie riserve di capitale. Dopo la notizia del via libera della Bce, il titolo Mps ha chiuso la seduta di oggi in calo del 4,65%, a quota 0,30 euro.

Analisi tecnica di Mps

Mps ha chiuso il primo semestre con un utile di 27,2 milioni di euro, in calo dell’86,5% sullo stesso periodo del 2021. Il titolo, intanto, continua nella sua discesa. In mattinata, le azioni lasciano sul terreno il 4,18% scendendo a 0,3024 euro, dopo una performance di quasi il 5% venerdì.

Il quadro tecnico di Banca Monte dei Paschi suggerisce un’estensione del trend ribassista con un supporto in zona 0,2980 e con una resistenza nell’area 0,3190. Il prezzo potrebbe un attimo respirare, dando la possibilità di un ritraccio fino in zona 0,3650. Le previsioni sono per un prolungamento della fase ribassista al test di nuovi minimi individuati a quota 0,2760.

Grafico 4 ore titolo MPS - Tradingview