Mps, altra banca italiana in perdita nel 2013. Rosso da 1,43 miliardi

12 Marzo 2014, di Redazione Wall Street Italia

MILANO (WSI) – Il Monte dei paschi di Siena chiude il 2013 con una perdita di 1,43 miliardi di euro (-3,16 mld nel 212). Nel quarto trimestre il rosso è di 920 milioni. Sul risultato pesano le rettifiche su crediti per un ammontare di 2,75 mld.

Da segnalare la performance del titolo, che ha riportato in un mese un rialzo +19,51%; la performance a sei mesi è di +10,25%, quella a un anno di +4,50%.

Il gruppo Monte dei Paschi nell`ambito dell`aumento di capitale di 3 miliardi di euro, deliberato dall`assemblea degli azionisti a dicembre 2013, da eseguirsi non prima del 12 maggio 2014, rende noto che “è stato rinnovato l`accordo di preunderwriting che vede Ubs in qualità di global coordinator e bookrunner, Citigroup, Goldman Sachs International e Mediobanca in qualità di coglobal coordinators e joint bookrunners e in aggiunta Barclays, BofA Merrill Lynch, Commerzbank, J.P. Morgan, Morgan Stanley e Soci été Générale in qualità di joint bookrunners”.

“Nell`ambito dell`operazione di aumento di capitale, Banca Monte dei Paschi di Siena è inoltre assistita da Ubs in qualità di financial advisor e Mps Capital Services in qualità di cofinancial advisor nonché da Linklaters in qualità di advisor legale”.