Moody’s, Monti non ha mai assegnato rating

5 Giugno 2012, di Redazione Wall Street Italia

Durante il periodo in cui ricopriva l’incarico di membro del Senior European Advisory Council di Moody’s, l’allora presidente della Bocconi Mario Monti non ha mai partecipato alla “valutazione, neppure in via indiretta, di stati o imprese sotto il profilo del rating”.

E’ quanto precisano fonti di palazzo Chigi, in risposta ad alcune ricostruzioni dei media. “In riferimento ad indiscrezioni di stampa si conferma che il Prof. Mario Monti (come a suo tempo venne pubblicamente comunicato) è stato membro del Senior European Advisory Council di Moody’s dal luglio 2005 al gennaio 2009, periodo in cui ricopriva l’incarico di Presidente dell’Università Bocconi”, ricordano le fonti.

L’agenzia di rating e’ coinvolta in un’inchiesta della Procura di Trani per turbativa di mercato e crollo dei mercati azionari ed obbligazionari. Nell’ambito della stessa indagine e’ sotto inchiesta l’ad per l’Italia di S&P, Maria Pierdicchi, accusato di favoreggiamento degli analisti. La posizione del top manager è stata inviata per competenza alla procura di Milano. Inizialmente – si apprende oggi – Pierdicchi era indagata per manipolazione del mercato.

L’ultimo taglio del rating da parte di S&P risale allo scorso ottobre: il giudizio e’ passato da Aa2 ad A2.

“Tale Advisory Board – proseguono le stesse fonti – comportava la partecipazione a due-tre riunioni all’anno che avevano per oggetto scambi di vedute sull’integrazione europea e sulla politica economica dell’Unione europea e non la valutazione, neppure in via indiretta, di stati o imprese sotto il profilo del rating.

Nel periodo in questione, gli altri membri del board erano Hans Tietmeyer, ex Presidente della Deutsche Bundesbank; Francis Mer, ex Ministro francese dell’Economia e delle Finanze; Howard Davis, ex Presidente della Financial Services Authority britannica; Olle Schmidt, membro svedese del Parlamento Europeo; Leszek Balcerowicz, ex Ministro delle finanze della Polonia”.