Moody’s conferma “tripla A” per Usa, Francia, Germania e Gran Bretagna

13 Gennaio 2011, di Redazione Wall Street Italia

L’andamento del debito di Stati Uniti, Francia, Germania e Gran Bretagna è compatibile con il rating tripla A dei quattro paesi. E’ quanto emerge dal monitoraggio di Moody’s sui paesi con il massimo della valutazione, precisando che rispetto alla rilevazione di agosto si registrano marginali cambiamenti.

Nel suo rapporto “Aaa Sovereign Monitor”, l’agenzia ribadisce che “per le principali quattro economie che dispongono dei rating AAA – dunque Francia, Germania, UK e Stati Uniti – i percorsi (fiscali) mostrano pochi cambiamenti rispetto a quelli analizzati da Moody’s lo scorso agosto”.

Moody’s sottolinea comunque che nel lungo periodo questi paesi devono tenere sotto controllo la spesa. Secondo l’agenzia, tutti e 4 i paesi dovranno fronteggiare infatti “drammatici aumenti” dei loro impegni di spesa su pensioni e sanita’ e “questi costi devono essere messi sotto controllo”.

L’istituto ammette poi che gli Stati Uniti hanno intrapreso un percorso diverso rispetto a quello degli altri paesi europei, sfornando ulteriori stimoli alla propria economia. Le altre economie hanno invece agito per tagliare i loro livelli di deficit. Tuttavia, “nonostante le strategie differenti”, Moody’s ribadisce il suo giudizio positivo sui quattro.

Moody’s parla poi anche delle condizioni in cui versano altre economie che beneficiano di un rating AAA, ovvero dell’Australia, della Nuova Zelanda e di Singapore.

“I parametri fiscali relativi all’Australia e a Singapore sono tra i più forti tra i paesi che godono di una valutazione di tripla A – ha precisato – mentre la posizione debitoria della Nuova Zelanda, sebbene favorevole, assisterà nel breve a un ulteriore rialzo dei ratio dei debiti, prima di un ritracciamento”.