Monti: con le nostre riforme, Pil Italia +4% in dieci anni

24 Settembre 2012, di Redazione Wall Street Italia

Roma – “Grazie all’azione di questi mesi l’Italia si è tolta dalla lista dei paesi che rappresentavano un problema per la stabilità dell’area euro”, ha detto il premier Mario Monti aprendo insieme al segretario generale dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico José Ángel Gurría, la conferenza internazionale sulle Riforme strutturali in Italia.

“Senza ‘Salva-Italia’ avremmo perso sovranità”, fa notare il Professore, per gli italiani “c’è stato un trattamento molto incisivo sulle misure” ma “stanno dimostrando di non essere particolarmente ostili” nei confronti dell’esecutivo.

In un intervento dalla Conferenza Internazionale Italia-Ocse, a Rainews 24 Paolo Guerrieri, economista dell’Universita’ di Sapienza e uno dei relatori dell’incontro, ha spiegato che, come dice anche il report dell’Ocse, “il problema dell’Italia si chiama produttivita’ che dipende da molte cose. Il rapporto Ocse mette in luce problemi di contesto come le infrastrutture e rapporto all’interno dell’intese”.

“Il sistema produttivo – ha continuato Guerrieri – innova poco perche’ e’ formato da piccole imprese che rimangono piccole e settori che non sono molto redditizi. Le riforme che sono state fatte vanno bene, ma l’agenda va completata ed estesa e portata avanti per un periodo molto piu’ lungo dei pochi mesi in cui si sono visti dei provvedimenti”.

Monti ha assicurato che il governo e’ determinato “a fare scelte nel breve periodo per guardare a obiettivi a lungo periodo, è stata una scommessa sull’Italia, sulla sua capacità di reagire, di cambiare rotta, di costruire un futuro di crescita”, afferma il premier. “E’ troppo presto abbandonare il rigore, va sempre mantenuto”, ha concluso il professore della bocconi

Il Presidente del Consiglio Mario Monti interviene alla Conferenza Internazionale organizzata dal Governo italiano e dall’OCSE, prima di volare a New York. Questa sera parteciperà al ricevimento offerto dal presidente degli Stati Uniti Barack Obama ai capi di Stato e di governo partecipanti alla 67.ma sessione dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ai cui lavori il premier italiano parteciperà da martedì a giovedì.

Questa sera Obama incontrerà il presidente del Consiglio a margine del ricevimento organizzato all’hotel Waldorf Astoria.

Inoltre giovedì mattina Monti interverrà presso il Council on Foreign Relations con una relazione dal titolo “Challenges for the Euro and the Futute of European Integration”, le sfide per l’euro e il futuro dell’integrazione continentale. E’ un incontro pubblico, dove personaggi come il finanziere George Soros o l’ex ministro del Tesoro Robert Rubin sono spesso di casa.

Previsto anche un appuntamento off the record con la leadership del Wall Street Journal e una colazione da Bloomberg con grandi imprenditori, finanzieri, banchieri, manager di hedge fund e altre istituzioni. Quindi, prima della partenza per Roma, Monti incontrerà la stampa presso la Rappresentanza italiana.