MONITO DEL PAPA AI POLITICI CATTOLICI

13 Marzo 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 13 mar – Un documento del Papa che “esorta” i politici cattolici a “dare pubblica testimonianza della fede” e a “votare leggi ispirate ai valori”. La Stampa anticipa i contenuti dell’Esortazione Apostolica post-sinodale “Sacramentum Caritatis”, sul tema dell’eucarestia, che Benedetto XVI pubblicherà oggi, nel giorno della presentazione in Vaticano a cura del patriarca di Venezia Angelo Scola. In 160 pagine – che, sottolinea il quotidiano torinese, influenzeranno il “tanto atteso documento della Cei sui Dico (la cui uscita potrebbe slittare a maggio)” – si raccolgono le riflessioni di un mese di lavoro dei vescovi di tutto il mondo riuniti nell’ottobre scorso a Roma. In esso il Papa invoca la “coerenza eucaristica” e lancia un monito severo ai politici e ai legislatori cattolici che, “consapevoli della loro grave responsabilità sociale, devono sentirsi particolarmente interpellati dalla loro coscienza, rettamente formata, a presentare e sostenere leggi ispirate ai valori fondati nella natura umana”. Il culto a Dio non è mai un atto meramente privato, afferma il pontefice, ma “richiede la pubblica testimonianza” della fede. E questo è vero “con particolare urgenza”, sottolinea La Stampa citando i passaggi chiave dell’Esortazione, per quelli che devono prendere decisioni a proposito di valori fondamentali, “come il rispetto e la difesa della vita umana, dal concepimento fino alla morte naturale, la famiglia fondata sul matrimonio fra uomo e donna, la libertà di educazione dei figli e la promozione del bene comune in tutte le sue forme. Tali valori – ammonisce Benedetto XVI – non sono negoziabili”. E non si chieda alla Chiesa di tacere: “I vescovi sono tenuti a richiamare costantemente tali valori: ciò fa parte della loro responsabilità nei confronti del gregge loro affidato”.