Mondo: Il made in Italy conquista i nuovi mercati

23 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

Per Assocamerestero il made in Italy conquista sempre più spazi sui mercati extra Ue. Nel commentare i dati Istat sulla bilancia commerciale, il direttore generale Gaetano Fausto Esposito nota come i maggiori incrementi di vendite si siano realizzati nei confronti dei nuovi mercati di interesse dell’Italia, quali la Russia con un +32.4%, e la Cina con quasi il 15%. Segnali di preoccupazione invece dal mercato statunitense, nostro primo mercato di esportazione al di fuori dell’Unione Europea. Gli Usa nel primo trimestre dell’anno fanno segnare un decremento delle esportazioni di quasi il 7%, a fronte del consistente incremento registrato nello stesso periodo dello scorso anno”. Per Esposito, l’aumento delle vendite sui mercati extra Ue è un risultato positivo, che conferma il consolidamento della competitività delle nostre imprese sui mercati internazionali pur in presenza di un’alta quotazione dell’euro nei confronti del dollaro. Per quanto riguarda i settori, un altro elemento confortante, che continua una tendenza già avviata, riguarda lo sviluppo delle vendite relative all’elettronica, col conseguente saldo positivo mentre lo stesso periodo dello scorso anno il saldo era negativo. Tale andamento, combinato con la positiva performance della meccanica, sembrerebbe confermare un crescente vitalismo del comparto della meccatronica.