Mondo: Fiat, asse con DaimlerChrysler

20 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

Fiat ha stretto un accordo di cooperazione strategica con DaimlerChrysler nel settore dei motori che prevede, per cominciare, la fornitura di motori per veicoli commerciali per otto anni al gruppo tedesco per un valore di circa 2,4 miliardi di euro.
Nel dettaglio, si legge in una nota di Fiat, l’accordo è stato concluso tra il gruppo DaimlerChrysler Truck e Fiat Powertrain Technologies (Fpt). “Il primo passo dell’accordo”, spiega la nota, riguarda la fornitura a lungo termine alla Mitsubishi Fuso Bus & Truck Corporation (Mftbc) di motori diesel light duty (Fpt F1c), da impiegare sul veicolo commerciale leggero Canter, che verrà commercializzato nei principali mercati, tra cui Europa e Giappone.
Fiat fornirà a Mitsubishi Fuso circa 80mila motori F1c all’anno a partire dal 2009. “Negli anni successivi i volumi delle forniture aumenteranno”, si legge ancora nella nota. “Nel quadro di questo accordo di fornitura strategico, le due società stanno anche esaminando ulteriori potenziali possibilità di business in altri mercati, tra cui l’Asia Sud-orientale”, continua il comunicato.
Nella nota si spiega che il motore è un diesel common rail con una cilindrata da tre litri, una potenza nominale di 177 cavalli a 3.500 giri al minuto e una coppia di 400 Newtonmetri a 1.400 giri al minuto. Grazie alla progettazione ottimizzata di tutti i componenti del motore e alla tecnologia avanzata del sistema di iniezione e del sistema di sovralimentazione, il motore F1c garantisce eccellenti caratteristiche in termini di prestazioni e consumi. Attualmente il motore F1c viene costruito solo a Foggia, ma tra breve si inizierà la produzione anche in un altro sito nel quadro della strategia di globalizzazione di Fpt. L’attuale generazione di Canter è stata introdotta nel 2002 ed è uno dei camion leggeri di maggior successo in Asia, venduto in 132mila unità nel 2006 in oltre 106 Paesi di tutto il mondo. Il suo successo e la competenza di base di Mitsubishi Fuso per tali veicoli fa di Mftbc il centro di competenza mondiale per i camion leggeri nell’ambito del Gruppo DaimlerChrysler Truck.
“La nostra partnership con DaimlerChrysler è una conferma che la decisione presa due anni fa di unificare in uno specifico settore le nostre attività relative ai motopropulsori è stata una decisione giusta e che abbiamo prodotti e capacità tecniche in grado di soddisfare le richieste di un mercato esigente”, afferma l’amministratore delegato di Fiat, Sergio Marchionne, nella nota.
Dieter Zetsche, presidente del Consiglio direttivo di DaimlerChrysler e responsabile del Gruppo Mercedes Car, dichiara che “le norme odierne e future sulle emissioni richiedono un elevato livello di investimenti e di specializzazione tecnologica. Questo accordo conferisce valore aggiunto a entrambe le società, Gruppo Fiat e DaimlerChrysler”.
Andreas Renschler, membro del Consiglio direttivo di DaimlerChrysler e responsabile del Gruppo Autocarri, ha aggiunto: “Per il Gruppo DaimlerChrysler Truck oggi è una data fondamentale da molti punti di vista. Con questa alleanza abbiamo preso la decisione migliore per i nostri clienti di Fuso, poiché offriremo loro il motore leggero più moderno, più tecnologicamente avanzato e più rispettoso dell’ambiente, motore che fornirà elevate prestazioni combinate con un rendimento altamente competitivo in termini di consumi”.
“Questo accordo è una dimostrazione del livello della nostra tecnologia e sostiene il ruolo strategico di Fpt nella espansione delle proprie attività al di fuori del mercato captive”, ha detto Alfredo Altavilla, amministratore delegato di Fiat Powertrain Technologies, aggiungendo che “siamo convinti che questo accordo di fornitura potrà essere il primo passo di una collaborazione duratura e di reciproca soddisfazione anche per altri progetti”.