Mondo, Auto: Giappone primo produttore nel 2006

9 Maggio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Sulla scia della continua espansione del colosso Toyota, il Giappone è diventato nel 2006 il primo produttore al mondo di automobili, riconquistando la leadership che gli è stata tolta nel 1994 dagli Stati Uniti. Lo ha annunciato ieri l’organizzazione internazionale dei produttori di auto, che ha reso noti i risultati di un’indagine svolta in collaborazione con le associazioni di categoria di 42 Paesi. Secondo il sondaggio, i veicoli prodotti lo scorso anno nel Sol Levante sono stati complessivamente 11,48 milioni, con un incremento del 6,3 per cento sul 2005. In calo gli Stati Uniti, primo produttore mondiale per dodici anni consecutivi, che nel periodo in questione hanno fabbricato 11,26 milioni di veicoli, meno 5,7 per cento rispetto all’anno precedente. La Cina è balzata al terzo posto, sorpassando la Germania, con 7,18 milioni di unità prodotte e un incremento del 25,9 per cento rispetto al 2005, un dato che riflette il rapido aumento della domanda sul mercato interno del gigante asiatico. Il Giappone è già stato il primo produttore mondiale di auto dal 1980 al 1993, quando si è imposto mediante una politica aggressiva delle esportazioni verso gli Usa. La crescita globale delle case automobilistiche nipponiche nel 2006 è stata trainata dall’avanzata di Toyota, che il mese scorso è diventata il primo produttore mondiale scalzando dal vertice la statunitense General Motors.