Mondo: Air France vuole Delta e Northwest

16 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

Air France-Klm sta valutando l’acquisto di quote delle compagnie aeree americane Delta Air Lines e Northwest Airlines. Lo afferma il quotidiano La Tribune, senza citare le proprie fonti, secondo quanto riferisce Bloomberg News.
La compagnia, continua il giornale, potrebbe acquisire piccole quote percentuali delle due compagnie con l’obiettivo di creare una joint venture con Delta e Northwest (che già fanno parte dell’alleanza Skyteam con Air France e Alitalia) e tagliare così i costi. Obiettivo dell’operazione, scrive il quotidiano parigino, è quello di mettere in cantiere una “collaborazione spinta” tra le due sponde dell’Atlantico, che potrebbe sfociare in una “joint venture comune tra Delta, Northwest, Air France e Klm sull’asse transatlantico. Ciò consentirebbe di spartire costi ed entrate e, al tempo stesso, controllare la capacità e le tariffe degli alleati americani nel momento in cui sbarcano in Europa, spesso in concorrenza con il gruppo francese”. Sempre secondo il giornale, Air France-Klm starebbe spingendo “da dietro le quinte” le due alleate americane ad andare a nozze dopo l’uscita dal capitolo 11 (condizione prefallimentare, ndr), uno scenario “ideale”, che però sembra essersi allontanato, conclude il giornale, con l’arresto del movimento di consolidamento del cielo americano. Intanto il board della spagnola Iberia sta facendo pressioni su Texas Pacific Group per sapere se sarà affiancato da un partner nell’offerta da 3,4 miliardi di euro che ha lanciato per acquisire la compagnia iberica. “Il board – si legge in una nota della compagnia – ha bisogno di più informazioni e dettagli sulla proposta, in particolare più informazioni riguardo alla struttura dell’offerta e alla presenza di eventuali partner”. Il fondo di private equity offre 3,6 euro per azione. La normativa europea impedisce a una società americana di controllare più del 49 per cento di una compagnia aerea europea e i nuovi accordi “open skies” (cieli aperti, ndr) tra Washington e Bruxelles consentono alla Unione europea di abbassare quel limite al 25 per cento. A questo punto sia la tedesca Lufthansa che l’inglese British Airways, che controlla il 10 per cento di Iberia, potrebbero scendere in campo al fianco di Tpg o presentarsi come rivali. Alla fine di marzo il Financial Times scrive, infatti, che Tpg ha avuto colloqui con la compagnia britannica e altri potenziali investitori.