Minerari in caduta in Europa

4 Maggio 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Giornata pessima per il settore minerario, che sconta appieno l’effetto della maggiorazione delle imposte in Australlia. Ieri, l’andamento del comparto non aveva potuto riflettere la performance del settore registrata alla borsa di Sydney, in quanto Londra era chiusa. Così, questa mattina l’indice Stoxx delle risorse di base è il peggior benchmark settoriale europeo con un calo del 2,7%. Fra i peggiori si collocano i diretti interessati, ovvero le società più esposte sul mercato australiano, come BHP Billiton che scivola del 3,6%, dopo aver precisato che il nuovo provvedimento dle governo australiano avrà una incidenza forte sulla sua aliquota fiscale. Giù anche Rio Tinto che flette del 4%, Vedanta Resources del 2,14% e Xstrata del 2,07%. A Parigi si allinea alla performance generale anche il produttore di acciaio ArcelorMittal, a dispetto di un upgrade di ING a “buy” da “hold”.