MILANO IN SETTE GIORNI PERDE LO 0,74%

11 Novembre 2000, di Redazione Wall Street Italia

Dopo tre settimane positive anche Piazza Affari perde colpi sulla scia di New York per l’incertezza sul voto presidenziale.

Il Mibtel ha subito nell’ultima settimana un calo dello 0,74%. Con scambi bassi rispetto alla media: 3,44 miliardi di euro giornalieri.

A subire l’andamento negativo sono stati soprattutto i titoli tecnologici, media e telecomunicazioni.

Alcuni titoli, soprattutto quelli cosiddetti tradizionali, sono invece andati in controtendenza, tanto che giovedì scorso Piazza Affari è stato l’unico mercato europeo a chiudere in rialzo.

In particolare Mediobanca, sugli annunci di nuovi ingressi, ha avuto un progresso settimanale del 9,30% con scambi pari al 5,11% del capitale.

Ma proprio stamane uno dei possibili nuovi soci, Deutsche Bank, ha precisato che si è trattato solo di un normale trading borsistico.

Sulla scia del titolo di Via Filodrammatici hanno guadagnato anche Compart con un +12,81%, Generali, +5,17% e Mediolanum a +4,79% settimanale.

Bene hanno fatto anche Pirelli, +5,95%, grazie ai nuovi buoni risultati aziendali del trimestre e Montedison a +13,40% rispetto al venerdì precedente.

Anche le utilities hanno mantenuto il trend. Le Edison a fine settimana hanno portato a casa un +6%, le Eni +4,35%, le Enel +1,84%.

In perdita, come dicevamo, i telefonici e gli editoriali.

Olivetti ha chiuso la settimana con un complessivo -4,41%, Telecom -3,15%, Tecnost -4,81%, Tim -5,59%, Seat PG -6,84%.

Scivola del -11,89% Espresso e del -5,89% Mediaset.

Si salvano alcuni bancari come Bnl (+1,43%), MontePaschi (+3,15%), BAnca Roma (+1,70%).

In calo il Nuovo Mercato.

Tiscali, sempre su base settimanale, ha perso l’8,15%, eBiscom il 7,52%, StMicroelectronic il 13,74%.

Per quanto riguarda le matricole che hanno debuttato in settimana, Tod’s che aveva avuto un esordio con un guadagno fino al 20% ha chiuso le sedute a 46,82 euro rispetto ai 40 euro del collocamento.

Mentre Novuspharma è scesa a 78,34 euro rispetto agli 80 euro del collocamento.