MIGLIORANO I FUTURES USA, BENE IL NASDAQ

23 Aprile 2008, di Redazione Wall Street Italia

A mezz’ora dall’apertura delle borse i contratti sugli indici Usa sono contrastati ma poco distanti dalla parita’ (vedi quotazioni a fondo pagina) il che lascia prevedere un avvio piatto per l’azionario.

A soffrire anche oggi potrebbe essere il comparto finanziario, pressato dalla deludente trimestrale della societa’ assicuratrice di bond Ambac Financial (ABK) il cui titolo e’ precipitato di oltre l’8% nelle contrattazioni del preborsa. Il gruppo ha riportato una perdita di $1.66 miliardi. WellPoint (WLP), l’azienda specializzata in piani assicurativi, ha tagliato intanto l’outlook sui risultati per la seconda volta quest’anno.

Nella colonna dei piu’ si distinguono Becton Dickinson (BDX), Air Products (APD) e Praxair (PX) che hanno migliorato le previsioni sui prossimi mesi. A supportare il comparto tecnologico e’ il titolo del colosso informatico Apple (AAPL), che appare piuttosto tonico in vista dei risultati trimestrali che verranno comunicati in serata, subito dopo la chiusura dei mercati.

Si muove in calo dell’1% circa il gigante media online Yahoo! (YHOO) dopo aver riportato un aumento dei profitti derivante dall’operazione di IPO del sito Alibaba.com. L’outlook offerto per il resto dell’anno si e’ attestato agli stessi livelli attesi dagli analisti: cio’ non causera’ alcuna revisione nei parametri dell’offerta d’acquisto avanzata nei mesi scorsi da Microsoft.

Sugli scudi il colosso aerospaziale Boeing (BA) che alcuni minuti fa ha riportato un EPS di 26 centesimi superiore al consensus, accompagnato pero’ da ricavi leggermente inferiori alle attese. Confermata la ‘guidance’ per il 2008 che ha di fatto confermato il trascurabile impatto dello slittamento del programma Dreamliner 787. Il titolo sale dell’1.90% prima dell’apertura. Incontrotendenza il corriere internazionale UPS (UPS), indebolito da un taglio dell’outlook sul resto dell’anno.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Sugli altri mercati, le commodities stanno ritracciando dai recenti massimi in concomitanza ad un recupero del dollaro. Nel comparto energetico i futures con consegna giugno (da oggi quelli di riferimento) sul petrolio segnano un calo di $0.67 a $117.40 al barile. Sul valutario, euro giu’ rispetto al dollaro a quota 1.5923. Arretra di $14.00 l’oro a $911.20 l’oncia. In rialzo infine i Titoli di Stato. Il rendimento sul Treasury a 10 anni e’ sceso al 3.69%.

Alle 15:00 (le 9:00 ora di New York) il contratto future sull’indice S&P500 e’ in ribasso di 1.10 punti (-0.08%) a 1379.70.

Il contratto sull’indice Nasdaq 100 segna +6.50 punti (+0.34%) a 1901.50.

Il contratto sull’indice Dow Jones guadagna 5 punti (+0.04%) a 12741.

parla di questo articolo nel Forum di WSI