MICROSOFT: UTILI TRA OTTIMISMO E SPECULAZIONE

18 Gennaio 2001, di Redazione Wall Street Italia

Attesa col fiato sospeso per l’annuncio oggi alla chiusura dei mercati Usa sugli utili del quarto trimestre di Microsoft Corp. (MSFT – Nasdaq), la blue chip tecnologica che pesa sia su Nasdaq che Dow Jones.

L’aspettativa di consensus dei big di Wall Street e’ per un utile pari a 47 centesimi per azione, anche se molti esperti negli ultimi giorni hanno ricordato che la societa’ di Bill Gates e’ tradizionalmente molto cauta nell’anticipare agli analisti i numeri ufficiale.

Questo vuol dire che rimane la possibilita’ che l’utile ufficiale batta ancora una volta le aspettative.

Altro parametro importante per valutare la reazione del mercato dopo l’annuncio della piu’ grande softwarehouse del mondo, sara’ costituito dalle affermazioni della stessa societa’ sulle strategie future di diversificazione delle attivita’, e quindi della base degli introiti.

Per esempio, molti a Wall Street si aspettano che Microsoft continui a migrare verso un business model centrato sempre piu’ sui servizi ai consumatori. Un’altra aspettativa e’ che la societa’ spieghi quale strategia intenda adottare per battere la concorrenza dei sistemi Unix attraverso la diffusione del nuovo sistema operativo Windows 2000.

Jerry Sanders, amministratore delegato di Advanced Micro Devices (AMD – Nyse), sostiene la tesi che Windows 2000 creera’ un nuovo standard nel settore informatico: “penso che un’ampia adozione di Windows 2000 dara’ nuovo carburante al settore dei PC”, ha detto oggi Sanders a Bloomberg TV.

Alcuni speculatori di mercato, pero’, sembrano avere un atteggiamento contrario.

Questa mattina, per esempio, tra le opzioni put piu’ trattate al Pacific Stock Exchange vi erano i PUT Microsot che scadono questa settimana. Il prezzo strike (il prezzo a cui vendere) e’ di $50 – il che significa che qualcuno tra gli operatori si sta preparando all’eventualita’ che il prezzo scenda sotto i $50.

Il fatturato di Microsoft nel terzo trimestre 2000 e’ stato di $5,8 miliardi, leggermente in calo rispetto al fatturato del secondo trimestre, a quota $5,804 miliardi, e in aumento rispetto al fatturato del primo trimestre ($5,6 miliardi).

Gli utili del terzo trimestre 2000 sono stati di di $2,2 miliardi, in calo sia rispetto ai $2,4 miliardi del secondo trimestre sia ai $2,38 miliardi del primo trimestre.

Su base annuale, il fatturato del 2000 si e’ attestato a quota $22,956 miliardi, in aumento rispetto ai $19,74 miliardi del 1999 e ai $14,48
miliardi del 1998. Gli utili 2000 sono stati di $9,42 miliardi, in aumento sia rispetto ai $7,78 miliardi del 1998 che ai $4,49 miliardi del
1997.

I dati di bilancio annuale Microsoft sono calcolati in relazione all’anno fiscale. L’ultimo anno fiscale 2000 e’ terminato nel giugno 2000.

(Vedi anche Microsoft: analisi tecnica suggerisce scetticismo)