MIBTEL: IN QUATTRO SEDUTE GUADAGNA LO 0,52%

21 Aprile 2001, di Redazione Wall Street Italia

In una settimana cortissima per la chiusura di Pasquetta, gli indici di Piazza Affari riescono a chiudure le quattro sedute con un leggero progresso.

Il Mibtel guadagna lo 0,52%, mentre meglio fa il Numtel del Nuovo Mercato con un progresso dell’1,34%.

Se i progressi del Nasdaq, che in settimana ha recuperato 10 punti percentuali, non hanno aiutato più di tanto i titoli del Nuovo Mercato, si sono invece fatte sentire le scadenze tecniche di ieri.

Mentre l’irremovibile scelta della Banca Centrale Europea di non abbassare i tassi -al contrario di quanto deciso a sorpresa dalla Fed- hanno fatto sì che Milano, come gli altri listini europei, non hanno beneficiato più di tanto dei progressi di New York.

L’attenzione di Piazza Affari è stata focalizzata soprattutto sul titolo Montedison per i vistosi passaggi di pacchetti azionari a causa della battaglia in corso tra cordate avverse di azionisti per il suo controllo.

Ma questa settimana sono prevalse le vendite e il titolo è stato il più pesante del mercato con una perdita del 9,76%.

Forti scambi anche sul titolo delle Generali -in attesa dell’assemblea di sabato prossimo e del ruolo del Gruppo sullo scontro per Montedison– che ha guadagnato alla fine della settimana l’1,89% nonostante il vistoso calo dell’ultima seduta.

Un altro titolo legato alla partita Montedison è quello di Mediobanca che ha chiuso le quattro sedute con un rialzo del 5,37%.

In recupero anche il settore editoriale.

Mediaset -forse anche per la “battuta” di Colaninno (Olivetti) su di un interesse per il Gruppo del Biscione- ha guadagnato il 5,90%.

Anche Seat, dopo settimane negative, ha recuperato un + 6,72%. Come il titolo Espresso a +3,55%, sempre su base settimanale.

E si confermano in salita Mondadori (+6,79%) e Class (+6,57%).

Calano invece gli energetici per l’aumento del prezzo del petrolio. Con Eni che perde a -0,79% dai massimi, ed Enel a -5,01%. Anche Edison lascia nelle quattro sedute l’1,50%.

Tra i titoli industriali fa bene Fiat a +4,58%, mentre perde Pirelli a -3,86%.

Si riprendono anche i telefonici. Telecom guadagna l’1,11%, Olivetti l’1,17%, Tim il 3,86%.

Per il risparmio gestito Fideuram chiude la settimana con un buon +7,43% e Mediolanum con un +6,52%.

Tra i bancari spicca SanPaoloImi a +6,46% e BiPopCArire a +7,62%.

Ma la miglior prestazione di tutto il listino spetta al titolo della società calcistica Lazio con un +24,41% dopo le due vittorie che rimettono in gioco la corsa per lo scudetto.