Società

MIB30, CAMBIAMENTI IN ATTESA DELLA PENSIONE

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

In attesa che entri in vigore il nuovo indice S&P/Mib45, si preannunciano novità sul vecchio Mib30.

Come ha anticipato Borsa SpA tra due settimane, cioè il 18 marzo prossimo, i titoli STMicroelectronics e Snam Rete Gas entreranno nel paniere delle trenta società a maggiore capitalizzazione.

Ciò fa parte della consueta revisione del paniere.

A cedere il posto ai nuovi ingressi saranno Aem e HDP.

Questi due titoli, insieme a Parmalat, saranno i titoli di riserva per il Mib30.

Dal Midex usciranno Autostrada Torino-Milano, Beni Stabili e Class Editori.

Al loro posto andranno: Aem, Lottomatica e Recordati.

In panchina per il Midex: Unipol, Beni Stabili e Campari.

Ma intanto si guarda ancora più avanti, al nuovo paniere. Questo avrà alla base del suo metodo di calcolo il rapporto flottante/capitalizzazione oltre che i criteri della liquidità e della rappresentanza del settore.

Il nuovo indice italiano dovrebbe, in altri termini, utilizzare il metodo di calcolo già in uso da Morgan Stanley e dallo stesso Standard & Poor’s, che nell’occasione ha lavorato al fianco di Borsa Italiana.

Più in dettaglio, i tre criteri cardine del nuovo paniere sono la ripartizione per settore, il valore del flottante e la liquidità del titolo.

La suddivisione per settori si mette sulla falsariga del Global Industry Classification, che prevede 10 settori economici all’interno dei quali esistono 3 ulteriori livelli di classificazione.

L’appartenenza a un settore dipende dalla quota di fatturato che risulta essere preponderante.

Secondo Caboto, la definizione di flottante che finora ha adottato S&P indica come rilevanti tutte le quote non superiori al 5% del capitale (sono escluse le partecipazioni di fondi e
sicav e le quote sindacate che nell’insieme superano il 5%).

Per l’indice italiano S&P starebbe valutando se adottare una soglia di riferimento più bassa, in considerazione della presenza di un sistema di riferimento più trasparente che permette di approfondire la compagine azionaria fino al livello del 2%.

Gli analisti di Caboto nel loro report indicano poi “la profittabilità dell’azienda rappresenta” come un criterio di esclusione dall’indice.

Ciò significa che possono essere escluse dal paniere le società che presentano livelli reddituali stabilmente negativi “per un congruo numero di trimestri”.