Mettere i risparmi al sicuro

13 Agosto 2012, di Redazione Wall Street Italia

L’incertezza sul futuro determinata da una situazione economica instabile, ha modificato le attitudini dei risparmiatori: mentre nel passato erano più propensi a investimenti rischiosi, attualmente la priorità è diventata preservare i propri risparmi in modo sicuro, garantendosi una remunerazione che salvaguardi il potere d’acquisto. Negli ultimi tempi la forma di investimento più ricercata dai risparmiatori, è il Conto deposito, favorito grazie alla semplicità, la trasparenza e il rischio contenuto.

La garanzia di ricevere, in caso di default della banca, un rimborso fino a centomila euro per depositante, sotto il profilo psicologico genera maggiore sicurezza e fiducia nei risparmiatori. Un ulteriore vantaggio è rappresentato dalla semplicità del prodotto; è possibile, infatti, aprire un conto deposito comodamente dal proprio pc grazie alle tante offerte reperibili on-line che sono particolarmente semplici e trasparenti.

Se non si ha la necessità di dover disporre immediatamente del denaro, è possibile beneficiare di rendimenti elevati tipici dai conti deposito vincolati che offrono tassi creditori intorno al 5% lordo annuo. Meno remunerativi i conti di deposito liberi, con i quali è possibile vedersi restituire le somme investite non appena se ne faccia richiesta, ma senz’altro più redditizi dei conti correnti standard delle banche tradizionali. Inoltre i conti deposito (a differenza dei principali conti correnti) sono a zero costi (apertura , chiusura, gestione ecc) salvo alcuni casi eccezionali.

Dal punto di vista fiscale il vantaggio di una aliquota più bassa sui rendimenti (passata dal 27% al 20%) è compensata dalla nuova imposta di bollo proporzionale che per il 2012 è pari all 0.1% dell’importo depositato con un tetto minimo di 34.20 euro e un tetto massimo di 1200 euro. Nel 2013 l’imposta salirà al 0.15% e verrà eliminato il tetto massimo. Alcune banche hanno deciso di accollarsi questo onere per tutto il 2012: Rendimax , BCCFor Web, Banca Sistema ecc. Ulteriore elemento da valutare attentamente, se si sceglie un deposito vincolato, è la conseguenza di un ritiro anticipato delle somme prima della scadenza del vincolo. Questo aspetto viene trattato in modo diverso dalle banche, è quindi opportuno leggere attentamente i fogli informativi esplicativi dei prodotti che si intende acquistare. Alcune banche, ad esempio, in caso di svincolo anticipato prevedono il pagamento di una penale, altre l’accredito della somma investita senza interessi, oppure la remunerazione a un tasso base. In conclusione il conto deposito è un’ottima soluzione per parcheggiare il proprio denaro alcuni mesi ricevendo un rendimento in grado di contrastare l’inflazione a fronte di un rischio molto contenuto.