Mercati Ue, attenzione: il timore contagio è sempre lì

29 Novembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(WSI)- Avvio di settimana positivo per le borse europee, che invertono la rotta dalle perdite di settimana scorsa dopo il via libera ieri da parte dell’Ecofin al piano da EUR 85,0 mld in dieci anni a favore dell’Irlanda, un accordo che contribuisce a calmare gli animi sullo stato del paese.

Il rimbalzo tuttavia potrebbe essere limitato dal persistente timore di un contagio. Venerdì, a seguito del taglio del rating sovrano (A/A-1), S&P’s ha ridotto la valutazione su 4 istituti irlandesi. -6 notch per la Anglo Irish Bank, il cui rating scende da BBB a B. In calo di un gradino invece il giudizio sulla Allied Irish Bank, sulla Irish Life & Permanent e sulla Bank of Ireland (BBB+). Il giudizio di S&P’s potrebbe scendere ulteriormente nel caso in cui dovesse peggiorare il rating sovrano(watch negative).

PIAZZA AFFARI

Avvio in buon rialzo per Piazza Affari, con l’indice FTSE/MIB tornato sopra la soglia dei 20.000 pts. Attenzione rivolta su Pirelli, in evidenza nell’ultima seduta dopo aver annunciato la firma di un”memorandum of understanding” in Russia con la Russian Technologies e la Sibur Holding.

Il documento è finalizzato alla definizione di una serie di accordi per lo sviluppo di attività congiunte nel settore dei pneumatici, dello steelcord e nella fornitura e nella produzione ad alta tecnologia dei derivati della gomma sintetica in Russia.

Da monitorare inoltre Credito Emiliano dopo che venerdì sera l’agenzia di rating Fitch ha annunciato di aver confermato il rating Idr ad ‘A’ confermando l’outlook ‘Stabile’.

Focus infine sul comparto assicurativo dopo che la raccolta assicurativa del ramo vita ad ottobre ha fatto registrare un calo del 23,8% annuo a EUR4,7 mld, evidenziando la terza contrazione consecutiva.

Olidata (EUR0,515): il Cda ha approvato il piano di risanamento 2010-2018 e il testo relativo all’accordo di ristrutturazione dei debiti nei confronti delle banche.

Telecom Italia (EUR0,972): il presidente Gabriele Galateri di Genola ha dichiarato che non è stata presa alcuna decisione relativamente alla possibilità di aumentare la partecipazione in Sofora, la holding che controlla Telecom Argentina, aggiungendo che qualora vi fosseronovità sarà il management a valutarle e il consiglio ad approvarle.

CAMBI E COMMODITIES

Sul mercato dei cambi, la moneta unica questa mattina ha toccato un nuovo minimi degli ultimi due mesi sotto la soglia di 1,32, salvo poi risollevarsi lievemente a ridosso di 1,33. Il mercato dei cambi sembra aver ormai digerito il pacchetto di salvataggio UE a favore dell’Irlanda e guarda alle prossime possibili vittime del contagio alla luce del meccanismo anti-crisi uscito dal consiglio Ecofin di ieri.

Sul fronte delle commodities, negli ultimi scambi sulla piazza asiatica i derivati sul greggio si muovono in territorio positivo a ridosso degli USD 85,0 al barile, confortati dalla prospettiva che il pacchetto di sostegno all’Irlanda eviti il rischio di contagio dalle pesanti ricadute sulla domanda. L’oro questa mattina viaggia in lieve rialzo in zona USD 1.365,0 per oncia.

MACROECONOMIA

Sul fronte macro, dalla penisola iberica che attraversa una situazione critica arrivano la fiducia delle imprese e dei consumatori portoghesi in novembre e il Cpi spagnolo preliminare di novembre come le vendite al dettaglio di ottobre. Dalla Zona Euro si attendono il sentiment sull’economia di novembre, previsto in lieve aumento, e la fiducia di consumatori, aziende e del settore dei servizi, anch’essi previsti in miglioramento.

Negli Stati Uniti si attende infine l’indice Midwest manifatturiero a ottobre. In Giappone, il governatore della Banca del Giappone Shirakawa ha dichiarato che i rischi per l’economia nipponica continuano ad essere sostanzialmente bilanciati, aggiungendo di essere consapevole della minaccia di un rallentamento economico negli Stati Uniti e in Europa.

Shirakawa si dice consapevole della possibilità che l’economia giapponese possa contrarsi in ottobre-dicembre ma le stime di crescita per l’intero anno restano quelle annunciate nell’outlook di ottobre. Shirakawa ha detto poi che il programma di acquisti di titoli portato avanti dalla BOJ si sta rivelando efficace nel contrastare le pressioni al rialzo sui tassi che derivano dai movimenti in atto sui tassi Usa.

OBBLIGAZIONI E MONETARIO

Si accentua la correzione del reddito fisso europeo la mattina successiva al via libera del consiglio Ecofin agli aiuti destinati a Dublino. Il ‘salvataggio’ irlandese costerà EUR85,0 mld e i ministri finanziari Ue hanno approvato ieri le linee guida del nuovo meccanismo permanente di soluzione delle crisi: ai costi di salvataggio, in caso di ristrutturazione, è previsto partecipi anche il settore privato ma solo a partire dal 2013.

Copyright © UNICREDIT per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved

*Questo documento e’ stato preparato da UniCredit Bank AG. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito il disclaimer ufficiale di WSI.