Mercati, tutti gli asset sono sopravvalutati

13 Aprile 2016, di Mariangela Tessa

NEW YORK (WSI) – Peter Thiel, tra i venture capitalist piu’ famosi della Silicon Valley, nonche’ uno dei fondatori di PayPal, non crede che il settore hi-tech sia in una bolla. Nonostante cio’, Thiel e’ a caccia di buone occasioni per diversificare. Operazione che appare quanto mai complicata.

“Se le start-up hi-tech sono sopravvalutate sulla stessa barca si trovano anche l’azionario, il settore immobiliare e i bond governativi” ha detto ieri Thiel, durante un suo intervento in una conferenza a San Francisco, aggiungendo che in generale la “Silicon Valley e’ ancora piuttosto lontana da questa situazione”.

Dalla fine del 2015, gli investimenti nella Silicon Valley hanno subito un arresto a causa delle crescenti preoccupazioni sul rischio dello scoppio di una bolla, causato da valutazioni insostenibili. Un rischio che Tiel sembra escludere al momento, nonostante si dica “un po ‘preoccupato per la volatilità dei mercati”.

Sempre nel corso del suo intervento, Thiel ha specificato di voler mantenere la maggioranza dei suoi investimenti in aziende tecnologiche, anche se allo stesso tempo sta attivamente cercando di investire 1,3 miliardi di dollari di liquidità.

Guardando avanti, Thiel ha confermato che circa due terzi dei suoi investimenti confluiranno in settori quali le tecnologie di prossima generazione, Internet consumer e software per le imprese.

Fonte: Bloomberg