Borsa Milano buca quota 18.000, indiscrezioni scatenano vendite su banche

1 Giugno 2016, di Laura Naka Antonelli

MILANO (WSI) – Mercati europei sotto pressione e azionario asiatico contrastato, dopo la pubblicazione dell’indice PMI in Cina, in Eurozona e anche negli Usa. LEGGI TUTTI I DATI MACRO

Alla vigilia della riunione della Bce, focus sui diversi alert che sono stati lanciati dall’Ocse. Attesa anche la decisione dell’Opec, con Reuters che ha reso noto che il cartello dei paesi produttori di petrolio starebbe considerando l’idea di congelare la produzione per l’ennesima volta. E’ quanto risulta da alcune fonti sentite da Reuters, che non includono tuttavia la Russia (che comunque, come si sa, non fa comunque parte dell’Opec).

Il mese di giugno non è iniziato sicuramente sotto i migliori auspici. Sugli indici di Borsa dell’Europa, ha pesato soprattutto il calo dei titoli minerari, sulla scia della pubblicazione degli indici PMI della Cina, che non sono riusciti a smorzare l’ansia sulle condizioni economiche della seconda economia del mondo.

In particolare, il dato cinese ufficiale relativo al PMI – che si riferisce alle condizioni delle aziende più grandi – si è attestato a 50,1 punti nel mese di maggio, stabile rispetto ai livelli di aprile, e praticamente in linea con le attese, a fronte dei 50 punti attesi dal consensus di Reuters. Il dato sull’indice PMI non ufficiale stilato da Caixin – che si riferisce alle aziende PMI – è sceso invece a 49,2 dai 49,4 di aprile, rispetto ai 49,3 attesi.

La carrellata di indici Pmi che sono stati comunicati in Europa ha contribuito al sentiment negativo e le vendite sulle banche italiane hanno dato il colpo di grazia, soprattutto alla Borsa di Milano. I titoli bancari italiani sono stati fortemente penalizzati dalla diffusione di alcune indiscrezioni, secondo cui il fondo di risoluzione avrebbe bisogno di una liquidità aggiuntiva. Ubi Banca e BP sono state sospese per eccesso di ribasso e le perdite sono state anche superiori a -8%. Il Ftse Mib è tornato di nuovo sotto quota 18.000, con una perdita che nel finale è stata -1,19%.

Il bilancio non è stato peggiore in quanto nel finale alcune banche hanno ridotto i cali: Ubi Banca -2,57%, Unicredit -1,81%, Mps -3,85%. Evidentemente comunque l’attacco contro titoli come Bper -4,31%, BPM -4,73%, Banco Popolare -6,29%.

Lo Stoxx Europe 600, indice di riferimento dell’azionario europeo, ha ceduto -1%, segnando il calo più forte in due settimane. L’indice, dopo essere sceso -5,4% dai massimi dello scorso 20 aprile, ha recuperato terreno, e la scorsa settimana ha riportato il rialzo più sostenuto da febbraio. Lo Stoxx 600 è inoltre avanzato +1,8% a maggio, registrando il mese migliore dallo scorso novembre.

 

Borsa Tokyo sotto pressione, sulla scia del rafforzamento dello yen, proseguito anche dopo la chiusura dei mercati, quando il premier Shinzo Abe ha confermato i rumor , annunciando la decisione di posticipare il rialzo pianificato dell’IVA. In generale sul valutario, euro ha guadagnato terreno nei confronti del dollaro, a $1,1165 circa, mentre il dollaro ha accelerato al ribasso nei confronti dello yen, perdendo anche -1%, a JPY 109,65. Euro-yen in forte pressione a JPY 122,4o.

Sul fronte delle materie prime, il petrolio ha ridotto le perdite con i rumor sul vertice dell’Opec ma è rimasto negativo, con il contratto WTI Crude di New York sotto $49 al barile e il Brent attorno a $49,70. Oro giù attorno a $1.207 l’oncia.

Sul mercato dei titoli di stato, occhio allo spread BTP-Bund risalito sopra la soglia di 130 punti base e ai tassi sui BTP decennali, in crescita all’1,47%.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 20169:54

A prevalere sui mercati azionari asiatici sono state le vendite. Il Nikkei 225 della Borsa di Tokyo ha chiuso la sessione in calo -1,62%, a 16.955,73 punti, scontando l’apprezzamento dello yen. Hong Kong -0,37%, peggio Sidney a dispetto del Pil decisamente migliore delle attese, con l’indice che ha ceduto oltre -1%. Shanghai piatta nel finale, così come Seoul. Dopo la pubblicazione del dato sul Pil, il dollaro australiano è schizzato fino a un massimo intraday di 0,7293 dagli 0,7230 precedenti il dato. La crescita economica, di fatto, riduce notevolmente la probabilità di ulteriori tagli ai tassi da parte della Reserve Bank of Australia.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201610:00

A Piazza Affari, il titolo Banco Popolare è stato sospeso per eccesso di ribasso, dopo aver segnato un calo -5,3%. Il titolo è poi stato riamesso alle contrattazioni e al momento registra una perdita -4,59%. Sospesa per eccesso di ribasso anche Ubi Banca, che segna un calo teorico superiore a -5%. Il listino Ftse Mib cede -0,20%, a 17.989,82. Tornando alle banche, MPS limita i ribassi a -1,85%, fanno peggio Bper -2,81% e BPM -2,61%, mentre Intesa SanPaolo cede -0,87%, Unicredit -1,74%. Tra i titoli di altri settori, ENI -0,58%, FCA -0,78%, Telecom Italia +0,59%, sotto pressione Unipol -0,96% e UnipolSai -1,45%. Yoox -1,66%, Ferragamo -0,26%, Moncler lievemente positiva.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201611:21

Focus sul discorso proferito in questi minuti dal premier giapponese Shinzo Abe, e che dovrebbe rimandare ufficialmente l’imposizione dell’IVA. Abe afferma che l’economia globale fa fronte a forti rischi e che il Giappone rischia di tornare in deflazione. Spetta al Parlamento, sottolinea, accelerare il ritmo delle politiche di stimolo, che a suo avviso stanno dando risultati. Secondo Abe, inoltre, la principale fonte di preoccupazione per l’economia giapponese è rappresentata dalle condizioni di salute dell’economia della Cina e di altri mercati emergenti. Abe continua affermando che durante la riunione del G-7 si è deciso di lanciare tutti gli strumenti possibili per evitare una crisi e che i paesi devono imparare le lezioni scaturite dalla crisi di Lehman Brothers, nel 2008.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201612:41

Trend negativo per i futures sui principali indici azionari Usa

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201615:17

Ancora sotto pressione l’indice Ftse Mib, che cede -1,34%, a 17.783,17 punti. Ennesima accelerazione ribassista per le banche, con Mps -4,90%, Bper -5,32%, BPM -6%, Banco Popolare che peggiora ulteriormente e cede -7,78%; male anche Intesa SanPaolo -2%, peggio Ubi Banca -4,73% e Unicredit -3,20%. Tra i titoli di altri settori Campari +0,17%, Eni -1,31%, Mediaset -0,65%, Poste Italiane -0,65%, Saipem -2,04%, Telecom Italia -0,12%, Tenaris -1,60%.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201615:22

Si intensificano le vendite sui prezzi del petrolio.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201615:43

Avvio al ribasso per gli indici di Wall Street. I peggiori titoli del Nasdaq.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201615:44

I migliori titoli del Dow Jones. Coca Cola in rialzo dopo la notizia dell’acquisto della divisione di prodotti di soia da bere di Unilever.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201615:45

I migliori titoli del Nasdaq.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201615:46

Avvio al ribasso per Wall Street con il Dow Jones che, dopo qualche minuto dall’avvio della sessione, cede anche -100 punti.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201616:54

Occhio al grafico che mette in evidenza come i prezzi del petrolio abbiano recuperato comunque +30% circa dall’inizio del 2016.

Laura Naka Antonelli 1 Giugno 201617:46

L’indice Ftse Mib chiude le contrattazioni in calo -1,19%, a 17.810,85 punti.