Mercati nervosi, petrolio recupera qualcosina

26 Maggio 2017, di Daniele Chicca

Continua il momento no dei prezzi del petrolio, che provano a recuperare qualcosa dopo il crollo del 5% circa di ieri. L’andamento sottotono sta condizionando negativamente anche i listini azionari. In Italia pesa l’incertezza per il futuro delle banche venete intorno alle quali nonostante le rassicurazioni del ministro del Tesoro Pier Carlo Padoan si aggira sempre lo spettro del bail-inL’Opec e gli altri grandi produttori di greggio del mondo hanno deciso di prolungare di altri nove mesi, fino a marzo 2018, il piano di riduzione della produzione di 1,8 milioni di barili, ma non hanno aumentato la mole dei tagli come il mercato sperava.

L’intento dei paesi esportatori di petrolio, che hanno subito una contrazione importante dei ricavi, è quello di contenere la perdita di valore della materia prima in un mercato minacciato da un’offerta in eccesso. All’apertura dei mercati europei il contratto Wti scambiava in area 48,50 dollari al barile, mentre il Brent poco sopra quota $51, prima di tentare un rimbalzo. Sul valutario l’euro, che viene da un periodo positivo, oggi scende sotto 1,12 dollari. L’oro, invece, sale sopra 1.264,50 dollari l’oncia.



Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Daniele Chicca 26 Maggio 20179:53

Piazza Affari apre in ribasso: Ftse Mib -0,43% a 21.199,88 punti.

Daniele Chicca 26 Maggio 201710:01

Piazza Affari apre in ribasso come del resto le altre Borse d’Europa, sulla scia della debolezza vista già in Asia. La Borsa di Tokyo ha ceduto oltre mezzo punto percentuale (Nikkei -0,64%). La piazza di Francoforte scivola dello 0,16%, quella di Parigi cede lo 0,20%, mentre a Londra l’indie Ftse segna un +0,02%. Tra gli eventi della giornata odierna si segnala il Pil degli Stati Uniti, prima economia mondiale, che potrebbe dare fiato a Wall Street, mantenendola sui massimi storici. In Italia verranno resi noti gli ordini all’industria dei servizi e la fiducia di imprese e consumatori. Occhi puntati sul G7, il primo dell’era Trump, in cui si cercheranno di trovare punti d’incontro su commercio, rapporti con la Russia, clima e immigrazione.

Daniele Chicca 26 Maggio 201710:04

Sul Forex l’euro è salito sui massimi di due mesi sulla sterlina dopo la pubblicazione degli ultimi sondaggi. Chi pensava che l’attentato di Manchester avrebbe favorito il partito conservatore al governo in vista delle elezioni anticipate di giugno si sbagliava. La fazione di Theresa May ha visto restringersi di 5 punti il vantaggio che aveva sul Labour. Secondo la rivelazione di YouGov, la prima a essere pubblicata dopo la strage di giovani all’Arena di Manchester, il partito della premier ha perso l’1% in una settimana mentre la formazione guidata da Corbyn ha guadagnato il 3% e ora vanta una percentuale di consensi pari al 3 8%. Il voto sarà decisivo per stabilire l’orientamento che prenderanno i negoziati sulla Brexit.

Daniele Chicca 26 Maggio 201710:11

Sul Forex l’euro è salito sui massimi di due mesi sulla sterlina dopo la pubblicazione degli ultimi sondaggi. Chi pensava che l’attentato di Manchester avrebbe favorito il partito conservatore al governo in vista delle elezioni anticipate di giugno si sbagliava. La fazione di Theresa May ha visto restringersi di 5 punti il vantaggio che aveva sul Labour. Secondo la rivelazione di YouGov, la prima a essere pubblicata dopo la strage di giovani all’Arena di Manchester, il partito della premier ha perso l’1% in una settimana mentre la formazione guidata da Corbyn ha guadagnato il 3% e ora vanta una percentuale di consensi pari al 3 8%. Il voto sarà decisivo per stabilire l’orientamento che prenderanno i negoziati sulla Brexit.

Daniele Chicca 26 Maggio 201711:16

Come dimostrato dal calo di quasi il 5% delle quotazioni del petrolio visto ieri sui mercati, gli investitori sono rimasti delusi dalla riunione di Vienna dell’Opec e ormai hanno perso la fiducia nella capacità del cartello dei maggiori produttori della materia prima, che da tre anni hanno perso ricavi per via dell’indebolimento dei prezzi, di ridurre l’offerta e tenere alto il valore del greggio. Sui mercati energetici i contratti su Wii e Brent continua a cedere terreno dopo aver accusato il calo giornaliero più amplia delle ultime tre settimane. I ministri del Petrolio di Russia e Arabia Saudita hanno detto alla CNBC non hanno fretta di apportare ulteriori tagli.

In un’intervista rilasciata alla stessa emittente televisiva americana Olivier Jakob, analista dei mercati emergenti presso la società di consulenza svizzera Petromatrix, ha detto: “delude il fatto che l’Opec non abbia fatto di più per bilanciare i mercati”. D’altronde, “un’estensione di nove mesi dei tagli all’offerta era già scontata nei prezzi” e l’annuncio dimostra “che l’Opec alla fine non possa fare molto”. Andrew Slaughter, dirigente presso Deloitte Center for Energy Solutions, ha fatto notare comunque che, “considerata anche la crescita della domanda dovuta a motivi stagionali, i tagli dovrebbero accelerare lo smobilizzo, a livello globale, delle scorte, fissando un nuovo supporto per i prezzi del petrolio intorno ai 50 dollari al barile“. Il Wti scambia in area $48,50.

Daniele Chicca 26 Maggio 201711:46

Nonostante i cali odierni le prove delle principali Borse europee sono nettamente positive da inizio anno, con gli investitori che sono incoraggiati da una serie di trimestrali buone e da un miglioramento delle condizioni economiche. Questo sta spingendo alcuni a spostare gli investimenti dagli Usa, dove i prezzi di Borsa sono considerati sopravvalutati dal punto di vista tecnico e per certi versi ingiustificati rispetto al contesto macro e degli utili aziendali.

Daniele Chicca 26 Maggio 201711:49

Dopo la batosta di ieri i prezzi del petrolio provano a risalire la china.

Daniele Chicca 26 Maggio 201713:54

Mentre le Borse europee continuano a essere penalizzate dai cali di petroliferi e bancari, in Usa i future sui principali indici di Borsa fanno pensare che Wall Street si prenderà una pausa prima del weekend lungo e dopo la corsa di ieri che ha portato l’indice S&P 500 e il Nasdaq a registrare nuovi massimi storici. La giornata si è chiusa in territorio positivo (per la sesta volta consecutiva) con l’S&P 500 che ha guadagnato lo 0,4% a 2415,07 punti e il Nasdaq che è salito dello 0,7% a 6205,25 punti. Wall Street rimarrà chiusa lunedì per le festività del Memorial Day.

L’attenzione degli investitori in America si concentrerà sugli importanti numeri macro attesi nel pomeriggio, tra cui in particolare la seconda lettura del Pil, il dato sugli ordini di beni durevoli di aprile e l’indice della fiducia dei consumatori. Secondo gli schermi di Bloomberg al momento i contratti sul Dow Jones e sull’S&P 500 mostrano un calo rispettivamente dello 0,10% e dello 0,13%, mentre il contratto sul Nasdaq 100 cede lo 0,09%.

Daniele Chicca 26 Maggio 201714:46

Il Pil degli Stati Uniti è cresciuto più del previsto e ben mezzo punto percentuale in più di quanto era stato precedentemente riportato. La seconda lettura dice che l’espansione dell’attività della prima economia al mondo è stata dell’1,2%. Le stime erano per un risultato di +0,9%, mentre la prima lettura dava ad appena lo 0,7% la crescita.

Daniele Chicca 26 Maggio 201714:46

Il Pil degli Stati Uniti è cresciuto più del previsto e ben mezzo punto percentuale in più di quanto era stato precedentemente riportato. La seconda lettura dice che l’espansione dell’attività della prima economia al mondo è stata dell’1,2%. Le stime erano per un risultato di +0,9%, mentre la prima lettura dava ad appena lo 0,7% la crescita.

Daniele Chicca 26 Maggio 201714:47

In seguito alla pubblicazione dei dati macro, il dollaro si è rafforzato con l’euro schiacciato sotto quota 1,12 dollari. Su base trimestrale la crescita del Pil Usa sarebbe dello 0,3%, come la Francia, meglio del Regno Unito (+0,2%), ma pur sempre il peggior risultato dai primi tre mesi di un anno fa per gli Usa. Gli economisti puntano su una ripresa più solida nel secondo trimestre, citando fattori penalizzanti nel periodo gennaio-marzo, come l’inverno mite.

Daniele Chicca 26 Maggio 201716:02

Wall Street ha aperto la seduta in calo nonostante i risultati migliori delle attese sul fronte economico. La seconda lettura del Pil ha mostrato un incremento dell’1,2%, del 0,5% superiore rispetto alla prima lettura e dello 0,3% più delle aspettative di mercato. Forexlive Image View

Daniele Chicca 26 Maggio 201716:17

Continua a essere molto richiesto l’oro, con i contratti con scadenza a giugno che guadagnano 10,80 dollari (+0,9%) a $1.267,20 l’oncia. Il petrolio azzera i cali intanto. 

Daniele Chicca 26 Maggio 201716:57

La prova delle Borse europee a mezz’ora dalla chiusura: 

Daniele Chicca 26 Maggio 201717:49

Alla chiusura dei mercati europei il petrolio, contratto Wti, è in rialzo a quota 49,15 dollari al barile. Anche i prezzi dei futures sul Brent sono in progresso, recuperando parte del terreno perduto a causa della delusione per la decisione dei paesi produttori di prolungare i tagli, ma senza incrementare l’ammontare.

Daniele Chicca 26 Maggio 201717:49

Sul valutario il cross euro dollaro in lieve calo a quota $1,118. Negli scambi della mattinata Usa il biglietto verde recupera leggermente terreno sui cross principali, in particolare nei confronti dello yen, dopo la revisione migliorativa del dato sul Pil trimestrale. Si muovono parallelamente al rialzo i rendimenti sui Treasuries, andando a cementare la prospettiva di una stretta della Fed il mese prossimo.