Società

MERCATI FINANZIARI: REPORT DAILY: 28-08-06

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –

Oggi l’unico dato degno di nota in area euro è il dato su M3. Importante sarà monitorare le sottocomponenti relative al credito al consumo ed ai prestiti alle famiglie. Durante la settimana sono attesi i dati preliminari di agosto sul cpi italiano che dovrebbe registrare un rallentamento analogamente a quanto già evidenziato in Germania ed il cpi stimato per l’intera area euro. Sul fronte crescita è atteso il Pil preliminare del 2° trimestre per l’intera area euro, mentre tra gli eventi ricordiamo la riunione della Bce di giovedì. Non dovrebbe esserci alcuna cambiamento al livello dei tassi, ma sarà importante seguire la consueta conferenza stampa di Trichet che dovrebbe evidenziare la possibilità di un ulteriore rialzo dei tassi nella riunione di ottobre. Negli Usa settimana densa di dati macro a partire da domani con la fiducia dei consumatori fino ai dati sul mercato del lavoro in pubblicazione il prossimo venerdì.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Tassi di Interesse: chiusura di mercato con i rendimenti sui titoli obbligazionari europei in lieve calo. Il calo ha interessato tutte le scadenze, mentre è rimasta pressoché stabile la pendenza sul tratto 2-10. Durante la settimana la stima sul cpi dell’area euro attesa in calo dovrebbe determinare un calo delle aspettative di inflazione, mentre l’attesa per il dato sul Pil del 2° trimestre dell’intera area euro e soprattutto la conferenza stampa di Trichet successiva alla riunione, in cui dovrebbe trapelare la possibilità di un rialzo dei tassi ad ottobre, dovrebbero fornire un supporto al mercato obbligazionario. Negli Usa tassi di mercato in lieve calo. L’atteso discorso di Bernanke non ha riguardato temi inerenti la situazione economica o lo scenario dei tassi. La settimana in corso fornirà importanti indicazioni sullo stato di salute dell’economia, dopo che la scorsa ha fornito un quadro piuttosto negativo sul settore immobiliare, che potrebbe impattare negativamente sulle decisioni di spesa soprattutto se il prossimo venerdì anche il mercato del lavoro confermerà la fase di rallentamento. La giornata odierna non prevede dati di rilievo in vista della fiducia dei consumatori e delle minute della Fed di domani. Il supporto a quota 4,79% sul segmento decennale dovrebbe pertanto essere ancora valido.

Valute: Euro in apprezzamento in mattinata verso Dollaro, dopo aver sfiorato venerdì quota 1,27. Gli operatori speculativi hanno evidenziato un lieve ridimensionamento delle corpose posizioni nette lunghe di Euro che rimangono comunque su livelli storicamente molto elevati. In attesa degli sviluppi macro della settimana per oggi la resistenza di rilievo è posta ad ,12820. Continua la debolezza dello Yen contro le principali valute. Le attese di aumento del differenziale tassi sta spingendo il cross contro Euro sui massimi storici in prossimità della resistenza psicologica a 150. Contro Dollaro la principale resistenza passa dal livello 117,40 e, qualora fosse superata, si aprirebbe lo spazio verso 118.

Materie Prime: i timori legati alla tempesta Ernesto venerdì hanno spinto le quotazioni petrolifere sopra i 72 $/b. In mattinata però la notizia dell’indebolimento della tempesta e la sua deviazione dalle coste del Golfo del Messico hanno riportato i prezzi sotto i 72 $/b. A contribuire al calo delle quotazioni è stata anche la dichiarazione del ministro della difesa russo che si è opposto all’imposizione di sanzioni all’Iran. Secondo il ministro infatti è ancora prematuro parlare di sanzioni.

Copyright © MPS Finance per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved