Società

MERCATI FINANZIARI: REPORT DAILY: 26-07-06

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
• In lieve rialzo i rendimenti in Usa, sostanzialmente stabili in area Euro.

• Si rafforza il Dollaro dopo la fiducia dei consumatori Usa.
• Il petrolio ritorna sotto i 74$.

In area Euro oggi è atteso l’indice Ifo tedesco. Il dato dovrebbe evidenziare una lieve moderazione alla luce del deludente Zew. L’indice potrebbe risentire negativamente del rialzo del prezzo del greggio, dell’atteso rallentamento americano e della chiusura del campionato mondiale in Germania. L’andamento contrastante registrato ieri dalla fiducia delle imprese francesi rende comunque la lettura particolarmente incerta. Negli Usa ieri il dato sulla fiducia dei consumatori è stato migliore delle attese grazie sia alla crescita della componente corrente, che della componente aspettative. Per oggi l’unico dato rilevante è il Beige Book che verrà rilasciato in tarda serata e che potrebbe fornire ulteriori dettagli sullo stato dell’economia.

Tassi di Interesse: in area Euro ieri i rendimenti sul mercato obbligazionario sono rimasti pressoché invariati rispetto alla chiusura di lunedì. Nella giornata odierna i tassi sul mercato obbligazionario europeo potrebbero continuare a rimanere in un trading range abbastanza ristretto nell’attesa di notizie più importanti nel corso della settimana. I dati sull’inflazione tedesca risultati peggiori delle attese hanno frenato il calo delle breakeven inflation che ieri sono rimaste pressoché in variate. Nei prossimi giorni sarà da monitorare attentamente, oltre al dato sui prezzi italiani, quello relativo ad M3.

Un dato più alto delle attese potrebbe generare una lieve e circoscritta inversione nel trend calante dell’inflazione attesa nei linkers. Negli Usa la seduta di ieri ha evidenziato rendimenti obbligazionari in lieve rialzo, aiutati dai dati sulla fiducia dei consumatori migliori delle attese. La curva ha aumentato la propria pendenza negativa seppur in modo lieve e tale pendenza dovrebbe continuare ad aumentare a causa delle aste sul 2 e 5 anni in programma oggi e domani. Il rendimento del decennale dovrebbe continuare ad oscillare tra il 5 ed il 5,10%. I buoni dati macro di ieri hanno fatto risalire lievemente le breakeven inflation implicite nei tips.

Valute: in seguito all’uscita dei dati macro americani, ieri abbiamo assistito ad un apprezzamento del Dollaro che è uscito dal trading range degli ultimi 2 giorni. L’area intorno a 1,247 dovrebbe agire da buon supporto in attesa delle indicazioni sul Pil di venerdì. E’ da notare come il mercato abbia praticamente ignorato l’annuncio che la Cina stia programmando di diversificare le proprie riserve valutarie, poiché troppo esposta in Dollari (attualmente circa il 70-80% del totale). Teoricamente avremmo dovuto assistere ad un indebolimento del biglietto verde, ma ciò non si è verificato. In calo lo Yen contro il Dollaro con il cross che sembrerebbe avviato verso il livello 118,5.

Materie Prime: dopo un inizio di settimana in accelerazione, le quotazioni del greggio sono tornate a scendere sulla notizia che la Rice sta andando in Israele per cercare una soluzione al conflitto con il Libano. Nei prossimi giorni le quotazioni del petrolio potrebbero rimanere sostenute dalle vicende relative alla situazione medio orientale, mentre oggi gli operatori rimarranno focalizzati sui dati relativi alle scorte di greggio e di distillati.

Copyright © MPS Finance per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved