Società

MERCATI FINANZIARI: REPORT DAILY: 19-06-06

Questa notizia è stata scritta più di un anno fa old news

Il contenuto di questo articolo esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
• Negli Usa atteso il discorso di Guynn, membro votante della Fed.

• Dollaro in recupero verso le principali valute.
• Sotto i 70 $/b il prezzo del greggio sui timori di una continuazione del rialzo dei tassi da parte della Fed.

Nella giornata odierna in area Euro non sono attesi dati di rilievo. Anche la settimana non offrirà grossi spunti dal lato macro con la sola eccezione della spesa per consumi francese nel mese di maggio e le vendite al dettaglio italiane per il mese di aprile, al fine di verificare lo stato di salute della spesa delle famiglie. Inoltre le parole che Trichet pronuncerà davanti al parlamento europeo nella giornata di mercoledì potrebbero fornire ulteriori indicazioni sulle prossime mosse di politica monetaria. Negli Usa atteso il discorso di Guynn, membro votante della Fed, che potrebbe ancora porre l’accento sulla dinamica dei prezzi. La settimana si presenta piuttosto scarna sul fronte dei dati macro.

Tassi di Interesse: in area Euro chiusura di settimana con i tassi di rendimento sul mercato obbligazionario che sono tornati leggermente a scendere, in una sessione senza grossi spunti dal lato macro. Anche la settimana entrante non fornirà importanti informazioni sullo stato di salute dell’economia in attesa di conoscere i dati preliminari dell’inflazione tedesca ed italiana per il mese di giugno, dati che saranno diffusi la settimana ventura. In tale contesto è probabile assistere ad una moderata fase di rialzo dei rendimenti su tutti i comparti in particolare sul lungo.

Negli Usa tassi di mercato in rialzo, andamento che potrebbe proseguire nel corso della settimana con obiettivo il 5,25% sul segmento biennale e decennale, ossia il livello atteso sui fed funds a fine mese. Nel frattempo, ulteriori discorsi di membri Fed tali da enfatizzare il tema inflazione, potrebbero aumentare le attese di un ulteriore aumento dei tassi nel mese di agosto. L’attenzione sarà focalizzata sulle aspettative di inflazione fotografate dalle breakeven dei Tips, dopo le prime tiepide indicazioni favorevoli a tal proposito derivanti dai dati preliminari dell’indice dell’università del Michigan.

Valute: Dollaro in recupero verso le principali valute, sulla scia dell’incremento delle attese di Fed funds al 5,5% già ad agosto. In vista della prossima riunione della Fed della prossima settimana, il biglietto verde potrebbe continuare a mantenersi relativamente forte, con primo obiettivo nel breve termine compreso nel range 1,25/ 1,255. Nel frattempo si registra ancora un sensibile deprezzamento dello Yen che vs. Euro ha raggiunto il livello minimo dall’introduzione della valuta europea. Pesano in tal caso le attese sulla Fed oltre allo scandalo finanziario che sta investendo il governatore Fukui di cui si discute in Giappone della possibilità di eventuali dimissioni.

Materie Prime: torna sotto i 70 $/b il prezzo del greggio dietro i rinnovati timori di una continuazione del rialzo dei tassi da parte della Fed al fine di frenare le spinte inflattive. Allo stesso tempo l’Iran sembra mostrarsi più positiva nei confronti dei paesi occidentali che hanno proposto in cambio di un pacchetto di incentivi di fermare il programma di arricchimento dell’uranio.

Copyright © MPS Finance per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved