Mercati: Fed e Bank of Japan, timori su reazioni reddito fisso

20 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Mercati attendisti: il verdetto della Fed e della Bank of Japan è vicino. La Federal Reserve di Janet Yellen diramerà il suo verdetto sui tassi nella giornata di domani, così come la Banca centrale del Giappone. Secondo i recenti rumor, la Bank of Japan potrebbe estendere il QE e portare in territorio ulteriormente negativo i tassi, mentre è improbabile che la Fed di Janet Yellen decida di alzare il costo del denaro in questa riunione. Le probabilità indicano piuttosto l’adozione di una manovra di politica monetaria restrittiva nel meeting di dicembre.

In Asia, azionario vicino al massimo in una settimana. Sulla borsa di Tokyo, l’indice Nikkei 225 in ritracciamento, sulla scia di speculazioni secondo cui la Bank of Japan favorirà l’indice azionario allargato Topix, nel suo acquisto di ETF.

In generale, i mercati continuano a essere stretti nella volatilità. Così Chris Weston, responsabile analista di mercati a Melbourne, presso IG:

“Nessuno è preparato ad assumere troppo rischio in attesa dei meeting della Bank of Japan e del Fomc. Importamte sarà vedere come i mercati del reddito fisso sia del Giappone che Usa reagiranno a qualsiasi decisione (o dichiarazione) delle banche centrali. Se i rendimenti dei bond, su base reale, inizieranno a salire, l’effetto sarà una contrazione delle condizioni di finanziamento, che non sarà presa bene dai mercati del credito o azionari.

Occhio al Ftse Mib di Piazza Affari, che continua a scontare l’elevata esposizione verso il settore delle banche, dove osservate speciali rimangono con Mps e Unicredit.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 20169:16

Avvio al ribasso per i principali indici di borsa in Europa.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 20169:56

Il titolo Mps si conferma osservato speciale tra le banche scambiate sull’indice Ftse Mib di Piazza Affari. Le quotazioni della banca senese fanno i conti con l’elevata volatilità, di per sé già presente sui mercati: aprono in rialzo, per poi crollare con un tonfo del 4%, prima che il titolo venga sospeso per eccesso di ribasso con un ribasso teorico -5,85% a 0,1883 euro.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201610:29

Il titolo Mps accelera al ribasso e sfonda importanti supporti. Dopo un avvio positivo, il titolo ha puntato con decisione verso il basso, fino a segnare un tonfo superiore a -8%, scendendo a un valore al di sotto di quota 0,20 euro, fino a 0,1833 euro.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201611:11

Prezzi del petrolio in preda a oscillazioni; dopo essere saliti nelle contrattazioni dei mercati asiatici, i prezzi virano in territorio negativo. In particolare, il contratto WTI scambiato a New York cede lo 0,48%, a $43,09, rischiando di bucare la soglia di $43, mentre le quotazioni del Brent arretrano dello 0,59%, a $45,68.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201611:12

Tra le altre materie prime , in lieve rialzo l’ oro, che sale dello 0,11% a $1.319,20 l’oncia.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201611:13

Previsto avvio positivo per Wall Street, stando all’andamento dei futures sui principali indici azionari Usa.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201611:17

Tra i bancari si mette in evidenza a Piazza Affari il titolo Unicredit, che ha beneficiato delle indiscrezioni sull’arrivo di otto offerte circa per sua divisione Pioneer . Tuttavia, dopo un solido rialzo, il titolo azzera gran parte dei guadagni e alle 11.16 segna una variazione di appena +0,10%, a 2.056 euro.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201611:39

Prosegue il sell off sui bancari, su cui si mette in evidenza il calo monstre di MPS. Da segnalare il fattore “Bce” con Ignazio Angeloni, membro del consiglio di vigilanza della Bce, che parla di “variazioni abbastanza consistenti” negli Srep per singole banche. Un analista intervistato da Reuters ritiene che questo possa riguardare Mps, Banca Carige e Banco Popolare.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201612:58

L’indice Ftse Mib riduce le perdite, ma si conferma il listino peggiore in Europa, cedendo lo 0,61%, a 16.299,26 punti. I rinnovati timori sulla solidità patrimoniale delle banche italiane mettono KO i titoli del settore, con Mps che capitola anche sotto i 20 centesimi. Dopo aver perso oltre -8%, Mps riduce tuttavia i cali, soffrendo ancora una forte flessione (-4,45%). Tra le altre banche Bper -2,16%, BPM -3,14%, Banco Popolare -2,20%, Intesa SanPaolo -1,94%, Ubi Banca -2,61%, mentre Unicredit ritenta il rimbalzo sfumato in mattinata e sale dello 0,78%. Tra i titoli di altri settori Eni sconta il calo del petrolio e arretra dell’1,02%; giù anche Saipem -1,71%, FCA -1,45%, Mediaset -1,36%, Telecom Italia è ingessata. Vendite su Tenaris -1,18%, mentre sono positivi alcuni titoli come Luxottica +0,56%, Prysmian +0,91%, Stm +1,14%, Poste Italiane +0,33%. Molto male Unipol con -3,04%, UnipolSai -1,62%.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201612:59

L’indice di riferimento europeo, lo Stoxx Europe 600 Index, è debole con un rialzo dello 0,25% circa a metà giornata.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201615:52

Avvio positivo per Wall Street. Di seguito la performance dell’indice Dow Jones.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201615:52

Sterlina al minimo in cinque settimane nei confronti del dollaro. Si riaffacciano i timori legati alla Brexit.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201616:35

Wall Street si prepara alla tanto attesa decisione della Federal Reserve, che si concluderà con l’annuncio sui tassi Usa, nella giornata di domani, mercoledì, 21 settembre. Nell’attesa, gli indici azionari Usa sono positivi: il Nasdaq Composite sale dello 0,34% a 5.252 punti; il Dow Jones avanza dello 0,40%, a 18.191, lo S&P fa +0,35%, a 2.146.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201616:44

A Piazza Affari indice Ftse Mib negativo, continua a fare i conti con i problemi delle banche. L’indice perde -1,10% a 16.219,52 punti. Mps sempre sotto pressione, comunque ben distante dal tonfo superiore a -8% sofferto in mattinata. Il titolo cede -4,80%. Giù anche BPM -4,65%, BP -2,96%, Intesa SanPaolo -2,62%, Unicredit si arrende al segno meno facendo -1,46%, Mediobanca -1,99%, Ubi Banca -2,42%.

Laura Naka Antonelli 20 Settembre 201616:45

Tra i pochi titoli positivi a Piazza Affari scambiati sul Ftse Mib, FinecoBank +0,38%, Prysmian +0,78%, Stm +1,21%. Giù tra i titoli di altri settori Saipem -2,82%, Tenaris -2,52%, Unipol -3,52%.

Daniele Chicca 20 Settembre 201618:01

Le borse europee terminano le contrattazioni miste, dopo una giornata altalenante, in attesa dei responsi della Fed e della BoJ che daranno domani. L’indice EuroStoxx50 termina la seduta pressoché invariato. Trainano i titoli del settore alimentare e tecnologico mentre sono in forte controtendenza i settori petrolifero e bancario.

Daniele Chicca 20 Settembre 201618:02

Piazza Affari chiude le contrattazioni in ribasso, registrando la peggior performance tra le borse europee. L’indice FTSE/MIB termina la seduta in calo dell’1,2% circa, zavorrato dal settore bancario mentre sono in controtendenza Stm, Prysmian e Recordati.

Daniele Chicca 20 Settembre 201618:02

In chiusura dei mercati europei il cambio euro dollaro quota $1,117, mentre il petrolio Wti guadagna l’1,3% a 43,83 dollari al barile.