Mercati drogati di liquidità. Brindano a mondo tassi zero

22 Settembre 2016, di Laura Naka Antonelli

Acquisti sull’azionario asiatico, Europa e a Wall Street. Rally anche dei bond, dopo il nulla di fatto della Fed che, come previsto, ha lasciato invariati i tassi di interesse.

La Fed ha anche ridotto le sue stesse proiezioni riguardo a eventuali rialzi dei tassi nel 2017 e oltre. Janet Yellen ha ancora intenzione di adottare una manovra di politica monetaria restrittiva entro la fine del 2016. Tuttavia, guardando al prossimo anno, le attese sono state tagliate da tre a due rialzi.

In Europa, è stato reso noto il bollettino mensile della Bce, che ha confermato l’intenzione di Mario Draghi & Company, se necessario, di aumentare gli stimoli di politica monetaria anche oltre la scadenza. Nel pomeriggio ha parlato Draghi, nelle vesti di numero uno del Board europeo che valuta il rischio sistemico, ovvero l’ESRB. Draghi ha affrontato il nodo della redditività delle banche, affermando che il vero problema del settore risiede nella presenza di troppi istituti, ovvero nell’overbanking. Allo stesso tempo, il banchiere ha ammesso che il contesto di bassi tassi di interesse zavorra i margini.

In una sessione in cui la Borsa di Tokyo è rimasta chiusa per festività nazionale, l’MSCI Asia Pacific escluso il Giappone è salito fino a +1%.

Sul mercato valutario, dietrofront del dollaro, che sconta il tono da colomba della Fed; boom di acquisti sul won sudcoreano, in rally fino a +1,6%. Euro sopra $1,12.

Molto bene tra le altre valute il ringgit malesiano, che ha beneficiato del rialzo dei prezzi del petrolio. Si segnala il calo del kiwi, dopo che la Reserve Bank of New Zealand ha lasciato i tassi di interesse al minimo record, affermando che ulteriori riduzioni saranno necessarie al fine di stimolare l’inflazione.

Yen sotto osservazione dopo che la Bank of Japan ha emesso il suo verdetto cambiando strategia di politica monetaria.

Quotazioni del petrolio con consegna a novembre in rialzo a New York oltre $46, dopo il rally della vigilia del 3%, successivo al dato Usa che ha confermato un calo delle scorte, su base settimanale, di 6,2 milioni di barili. Forti buy anche sul Brent, oltre $47.

Lasciate qui sotto commenti, news e rumor dalle sale operative, consigli, strategie di investimento, le vostre esperienze e tutto quello che vi passa per la testa. Tutti gli aggiornamenti di borsa sul LIVE BLOG (SOTTO), con flash di notizie e grafici.

Il Liveblog è terminato

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 20169:12

Avvio positivo per le borse europee, in attesa delle parole di Mario Draghi, numero uno della Bce. Come scrive Milano Finanza, oggi si terrà la la seconda asta di finanziamento a lungo termine Tltro2 della Bce, con richieste di fondi da parte delle banche della zona euro che secondo un sondaggio Reuters dovrebbero attestarsi complessivamente a 22,8 miliardi di euro. Nella prima asta, di giugno, le richieste furono pari a 399 miliardi di euro, di cui però soltanto 31 miliardi in nuovi fondi per via della possibilità offerta da Francoforte di rimborsare anticipatamente la liquidità raccolta tramite le vecchie operazioni Tltro1. Per quel che riguarda le banche italiane, secondo il presidente di Assiom Forex intervistato da Milano Finanza, Massimiliano Sinagra, è “plausibile” una scarsa partecipazione, dopo le consistenti richieste di giugno.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 20169:28

I settori che stanno performando meglio in Europa.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 20169:28

I settori peggiori in Europa. Da segnalare il trend, che rimane comunque positivo.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 20169:37

Nel mese di settembre, è migliorato il sentiment delle imprese manifatturiere francesi. Lo ha reso noto l’Ufficio Statistico Nazionale francese (INSEE), precisando che l’indice è avanzato a 103 punti, rispetto ai 101 di agosto. Il dato è migliore delle attese degli analisti, che stimavano un indice stabile a 101 punti.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 20169:57

La decisione della Fed di lasciare invariati i tassi di interesse e di ridurre anche il numero dei rialzi dei tassi previsti per il 2017 sostiene non solo l’azionario, ma anche il mercato dei bond dell’Eurozona. Focus in particolare sui bund tedeschi, che salgono zavorrando in questo modo i rendimenti decennali al minimo in due settimane. Gli operatori scommettono sul fatto che le politiche delle banche centrali rimarranno accomodanti per ancora molto tempo. In particolare i tassi decennali tedeschi scendono di 5 punti base, o dello 0,05%, a -0,044%, dopo aver testato -0,047%, valore più basso dallo scorso 9 settembre.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201610:37

La Bce di Mario Draghi rassicura i mercati affermando che, in caso di bisogno, è pronta a intervenire con stimoli anche oltre la scadenza prefissata. Nel suo bollettino mensile, la Bce reitera l’intenzione di lasciare i tassi dell’Eurozona a livelli molto bassi anche oltre la primavera del 2017. Riguardo all’acquisto di asset attraverso il piano di QE, questo andrà avanti fino al mese di marzo del 2017, “o anche oltre, se necessario”.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201611:09

Saipem si conferma il titolo migliore del Ftse Mib – che balza di oltre +1% – beneficiando sia del recupero dei prezzi del petrolio, che dell’annuncio relativo all’aggiudicazione di nuovi contratti e alla proroga di contratti già esistenti nella perforazione onshore in Medio Oriente e Sud America, per un controvalore di 430 milioni di dollari. a Piazza Affari. Il titolo balza +3,5% e ha testato un massimo intraday a 0,3679 euro.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201611:28

Tra gli altri titoli che spiccano sul Ftse Mib di Piazza Affari, si mette in evidenza Mediaset, che ha testato un rialzo fino a 2,77 euro, sulla scia di indiscrezioni stampa secondo cui Mediaset potrebbe decidere di riprendere le trattative con Vivendi su Premium, arrivando a una revisione del prezzo. Il nuovo schema dell’accordo, scrive Il Sole 24 Ore Radiocor, dovrebbe prevedere un partnership tra le due società (entrambe con il 40% di Premium) e l’ingresso di un nuovo socio al 20% (ipotesi Telecom Italia o partner finanziario).

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201612:45

Il trend delle borse europee si conferma positivo.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201613:23

Trend al rialzo anche per i futures sugli indici azionari Usa.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201615:20

Gli acquisti sui bond dell’Eurozona portano i tassi sui Bund tedeschi a 30 anni a scendere allo 0,49%, in calo di 10 punti base. 

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201615:30

In rialzo a Piazza Affari i titoli Campari che segnano un +3,45% a 9,90 euro. Tra le notizie positive, il rimborso agli obbligazionisti Usa per un totale di 310 milioni di dollari.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201615:42

Boom di acquisti sui titoli delle società produttrici di materie prime, con il sottoindice di riferimento dello Stoxx Europe 600 che segna il massimo dall’agosto del 2015, balzando fino a +4,5%.

Laura Naka Antonelli 22 Settembre 201615:43

Avvio positivo per Wall Street

Daniele Chicca 22 Settembre 201616:18

La Borsa Usa estende il rally dei giorni scorsi dopo che la Fed ha deciso, pur con il dissenso di tre membri del board, di mantenere i tassi invariati. Il Dow Jones consolida i rialzi malgrado gli ultimi dati macro e registra un guadagno a tre cifre.

Gli ultimi numeri immobiliari hanno deluso. Le case esistenti vendute in America in agosto sono state pari a 5,33 milioni, calando a sorpresa rispetto al mese precedente, facendo meno bene delle previsioni che erano per un dato di 5,45 milioni di unità. Le vendite di case esistenti in luglio avevano toccato quota 5,39 milioni.

Daniele Chicca 22 Settembre 201617:01

Il settore bancario italiano è stato tartassato dalle vendite in passato e da inizio anno l’indice di riferimento del comparto in Europa ha perso un quinto del suo valore circa in Borsa, ma non è il caso oggi.

Daniele Chicca 22 Settembre 201617:34

Le Borse europee chiudono in forte rialzo una giornata caratterizzata dagli acquisti e da nuovi record per gli indici di Wall Street, come il Nasdaq. L’indice di riferimento del continente Stoxx Europe 600 ha messo a segno un progresso dell’1,6%.

Daniele Chicca 22 Settembre 201617:37

L’indice EuroStoxx50 dei cinquanta titoli a maggiore capitalizzazione della regione ha chiuso in rialzo del 2,3% circa, con tutti i titoli del listino sopra la parità. A fare da traino sono stati i gruppi del settore delle materie prime, del petrolifero e del comparto automobilistico.

Daniele Chicca 22 Settembre 201617:38

Sul mercato valuario il cambio euro dollaro quota $1,1235, mentre tra le materie prime il contratto sul petrolio Wti guadagna il 2,5% a 46,45 dollari al barile.

Daniele Chicca 22 Settembre 201617:41

Piazza Affari ha registrato un rialzo simile a quello visto nel resto d’Europa. L’indice Ftse MIB ha concluso la seduta con un +1,7% circa. Si sono messi in evidenza i titoli Saipem, Campari e Luxottica, mentre hanno chiuso in lieve calo Ubi Banca e Unipol.