MERCATI: DOVE INVESTIRE QUESTA SETTIMANA

8 Luglio 2002, di Redazione Wall Street Italia

Panoramica sui mercati: prospettive dei principali indici azionari nel breve periodo

Dopo le violente discese primaverili e al termine di quattro settimane caratterizzate da oscillazioni così selvagge da mettere a dura prova i nervi degli operatori, i principali indici azionari sembrano ora trovarsi in una condizione tecnica propizia alla continuazione del rally iniziato dopo i minimi di mercoledì 26 giugno.

Le motivazioni dell’attuale recupero risiedono , partendo dalla confermata esigenza, sentita dalle principali società di gestioni patrimoniali, di aggiustare i rendiconti trimestrali da inviare alla clientela, nella necessità di incamerare gli ingenti guadagni rivenienti dalla speculazione al ribasso.

Piuttosto incoraggiante appare la considerazione legata al fatto che, in presenza di un clima pressoché apocalittico creato dai media sulla scorta dei crolli borsistici di alcune grandi società, le vendite di numerosi risparmiatori frustrati (vedi incremento dei disinvestimenti dai fondi azionari) siano state controbilanciate dall’opera di sostegno dei corsi effettuata da mani forti che si è riflessa nel sostanziale equilibrio degli indici.

Esamineremo di seguito la situazione tecnica di ciascun mercato indicando le aspettative per l’immediato futuro.

MIB 30. Dopo un’impressionante sequenza di alti e bassi, le quotazioni si trovano ora sui livelli di un mese fa col mercato che, assorbite molte vendite generate da panico, sembra disporre del potenziale per proseguire nel rally estivo partito 10 giorni fa.

Il target rialzista di breve periodo va ricercato nel raggiungimento di quota 30800 punti mentre un primo significativo ostacolo tecnico, in corrispondenza del quale appare ragionevole alleggerire le posizioni rialziste, è situato in area 29100.

MIDEX. L’indice ha cancellato nel giro di poche settimane il guadagno messo a segno durante i primi mesi dell’anno.

Le quotazioni sembrano ora trovare sostegno in corrispondenza del supporto 24600 dando luogo alla formazione di un doppio minimo.

Il primo scoglio posto di fronte alla continuazione del rialzo è situato a quota 25650 mentre l’obiettivo rialzista è individuabile in area 27100.

NUMTEL. La rovinosa discesa delle quotazioni avvenuta nel corso degli ultimi tre mesi ha completamente annullato il recupero avvenuto in seguito al crash del settembre scorso.

L’analisi del grafico orario consente di osservare come l’andamento dei corsi si trovi ora in corrispondenza della linea di tendenza discendente che congiunge tutti i massimi relativi messi a segno durante le ultime settimane e che rappresenta la prima resistenza da superare.

La violazione verso l’alto di tale trendline aprirebbe lo spazio per l’avvio di un recupero tecnico in grado di riportare l’indice verso quota 1800.

EUROSTOCK 50. La violazione al rialzo del livello 3200 aprirebbe, con ogni probabilità, la strada alla prosecuzione della fase di ripresa verso il raggiungimento del target rialzista di 3550 punti.

DAX. Nel corso delle ultime sedute le quotazioni hanno totalmente recuperato il terreno perso da metà giugno in avanti con gli indicatori tecnici che alimentano le possibilità di assistere alla continuazione del rally in corso.

L’obiettivo rialzista di breve periodo va individuato nel raggiungimento di quota 4700.

MADRID IND. GEN.. L’indice del mercato spagnolo sembra orientato a continuare nel movimento di recupero che ha contraddistinto le ultime sedute.

Il primo livello di resistenza si trova in area 770 punti ovvero il 5% circa al di sopra dei livelli attuali.

ZURIGO SMI. Il trend di breve periodo appare orientato al rialzo e sembra diretto a raggiungere il livello 6350 in corrispondenza del quale riteniamo opportuno alleggerire eventuali posizioni rialziste detenute in portafoglio.

HONG KONG HSI. L’analisi del grafico giornaliero consente di osservare l’avvenuta formazione di una figura tecnica denominata testa e spalla rovesciata la quale è dotata di chiare implicazioni rialziste.

In prospettiva futura, ci attendiamo la continuazione dell’attuale fase di ripresa in direzione dell’obiettivo situato intorno a quota 11100.

TOKIO NIKKEY 225. Il movimento di ripresa in corso sembra orientato a riportare l’indice in prossimità del livello di resistenza 11500 ove appare consigliabile uscire dalle posizioni rialziste.

Il livello 10300 rappresenta un discreto punto di supporto ove, in caso di storni, è possibile incrementare le posizioni.

*Erasmo Paolella
Gestore di Banque Cortal (gruppo BNP-Paribas).