Mentre il debito si impenna, l’Italia accumula una montagna di euro

14 Agosto 2014, di Redazione Wall Street Italia

NEW YORK (WSI) – Diciamo la verità, andare in vacanza quest’anno e tenere entrambi gli occhi chiusi è praticamente impossibile. Il nostro paese è in caduta libera e le conseguenze del suo sfacelo è tutto a rischio e pericolo di noi cittadini; non certo di politici e banchieri che hanno causato ciò.

Ebbene, dalle ultime pubblicazioni di Banca Italia, il debito pubblico continua ad aumentare (soprattutto a causa degli interessi maturati su di esso), giungendo a quota 2.168,4 miliardi di euro nel mese di giugno (+ 4,57 dall’inizio dell’anno). Ma ciò non è una novità, è semplicemente una conferma di quanto noi blogger di economia continuiamo a riferire a voi lettori da mesi e mesi; checché ne abbia voluto dire il capo del governo italiano con le sue balle, circa la ripresa economica italiana che solo lui prevedrebbe a settembre (addirittura, una “ripresa col botto”. Ma va, va!).

La novità vera riguarda qualcos’altro. Ovvero, il forte accumulo di denaro liquido che il dipartimento del Tesoro italiano sta facendo negli ultimi mesi. Infatti il Tesoro vanta nel mese di giugno qualcosa come 105,3 miliardi di euro in riserve liquide. Se si pensa che a giugno 2013 ne aveva appena 76,3 miliardi e che dall’inizio dell’anno le riserve liquide sono aumentate del 35,7% (13,4 miliardi), ci si rende conto che esiste un’anomalia.

Le domande che sorgono spontanee sono: che senso ha emettere titoli di stato ed indebitarsi, semplicemente per accumulare denaro? Che senso ha crearsi riserve di una valuta come l’euro, soprattutto ora che esso vale sempre meno rispetto al dollaro? Che senso ha accumulare una valuta che rischia di svalutarsi repentinamente anziché accumulare beni reali di valore, così come stanno facendo Russia, Cina e India con l’oro, se ci si vuole creare un’alternativa valida al sistema monetario unico europeo?

Le entrate tributarie italiane sono in netto calo rispetto a maggio scorso del 7,7%. Solitamente lo stato si indebita perché non riesce a coprire le spese pubbliche le quali sono in eccesso rispetto alle entrate tributarie. Quindi l’Italia si dovrebbe indebitare proprio per far fronte a questa dissintonia che c’è fra aumento delle spese pubbliche e diminuzione delle entrate pubbliche. Invece l’Italia, negli ultimi mesi, si indebita permettendosi il lusso di crearsi una montagna di euro liquidi non ancora utilizzati. Perché?

Forse perché si prevede un allargamento del buco del bilancio pubblico nel prossimo futuro, così da farvi fronte con gli euro accantonati fino ad allora? Oppure perché, in autunno si prevede un nuovo rialzo dei rendimenti dei titoli di stato, per cui il governo vi farebbe fronte riacquistando il proprio debito attraverso la montagna di denaro accumulato e tenendo così a bada lo spread con i bund tedeschi che in autunno potrebbe riprendere a salire?

Qualunque sia la risposta, cari lettori, tutti quei soldi accumulati facendo debiti a vostro ed esclusivo nome (ricordatevelo), non finiranno nelle vostre tasche. Se lo stato italiano sta accumulando euro lo sta facendo strategicamente in quanto, molto probabilmente, prevede tempi molto bui per l’economia del paese, dalla quale potrà spremere sempre meno per le sue attività clientelari e, per questo, oggi si indebiterebbe di più perché è maggiormente conveniente rispetto a quanto lo sarà nei mesi a venire, quando indebitarsi diverrà più oneroso. Questo lo sa soprattutto l’Europa e lo sanno gli investitori. Gli unici che non l’hanno ancora capito sono i contribuenti e i risparmiatori italiani, che restano inermi e con le mani in mano nonostante le evidenze di un governo che continua ad indebitarli e a non permettere loro un avvenire.

La cosa non sfugge agli occhi di chi controlla i conti pubblici dell’Italia (noi blogger di economia compresi) e ciò induce a diffidare ancora di più dell’Italia, delle sue false prospettive di crescita e di chi la governa o la vorrebbe governare.

Io riprendo la mia vacanza, non tenendo entrambi gli occhi chiusi, ma almeno uno lo terrò aperto, perché i giochi politici che si faranno nei mesi a venire, a discapito dei nostri risparmi e del nostro lavoro, si stanno impostando proprio in questi caldi giorni di agosto.

Il contenuto di questo articolo, pubblicato da Il Bog di Pasquale Marinelli – che ringraziamo – esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

Copyright © Il Blog di Pasquale Marinelli. All rights reserved