Mellody Hobson, ceo da 13 miliardi di dollari, svela il segreto del successo dei suoi investimenti

26 Luglio 2019, di Alessandra Caparello

Per costruire la propria ricchezza  c’è una lezione che tutti devono imparare. A indicarla è il numero uno di una società di investimento da 13 miliardi di dollari, Mellody Hobson, co-CEO di Ariel Investments, che al New York Times ha indicato la chiave del successo degli investimenti.

Hobson ha sottolineato che la pazienza è uno degli ingredienti chiave per costruire la ricchezza.

“Noi parliamo di investimenti a lungo termine che siano pazienti e siamo dell’idea che la lentezza e la costanza vincono la gara e che il tempo può essere il vostro migliore amico quando si tratta di investire. Ecco perché abbiamo una tartaruga come logo di Ariel”.

Non è mai troppo tardi per iniziare a investire, sottolinea Hobson, ma indipendentemente da dove ci si trova e da chi siamo le lezioni da mettere in pratica sono sempre le stesse.

“La cosa più importante che si può imparare dai soldi, e anche Warren Buffett parla di questo, è la tecnica dell’interesse composto. È l’ottava meraviglia del mondo. Se capisci l’interesse composto, capisci quali soldi lavorano a favore o contro di te”.

La teoria dell’interesse composto si basa su una forma di crescita esponenziale che aiuta a far crescere i propri soldi e il suo motore è il tempo, applicando una sorta di effetto valanga. Facendo rotolare una palla di neve giù per una collina, si raccoglie più neve. Non solo la palla di neve originale cresce di dimensioni, ma cresce anche ogni pallina di neve in più lungo la discesa e più a lungo si lascia andare, più grande diventa. La pazienza è quindi l’arma degli investitori.

Warren Buffett è forse l’esempio più noto di imprenditore paziente. Il CEO miliardario di Berkshire Hathaway considera la pazienza – e in particolare, il mantenimento di fondi a basso costo per un lungo periodo di tempo – una pietra miliare della sua strategia di investimento vincente e consiglia ripetutamente agli altri investitori di rimanere stabili anche quando i mercati vanno in tilt. Come ha detto, “Non c’è niente di sbagliato nell’arricchirsi lentamente”.