MELANDRI: URGENTE LEGGE SU CONFLITTO DI INTERESSI

17 Aprile 2007, di Redazione Wall Street Italia

(9Colonne) – Roma, 17 apr – “Il conflitto d’interessi e il riferimento di tale anomalia nei confronti del presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi è stato oggetto di dibattito ed anche di scontro, fin dall’ingresso in politica del patron di Mediaset. Ad oggi, a distanza di 13 anni, non esiste una legge efficace e condivisa in grado di evitare che gli affari di qualcuno possano essere separati dalle scelte della politica, di chi amministra il paese secondo principi di interesse generale. Appare evidente che le anticipazioni di questi giorni che vedono Silvio Berlusconi come possibile protagonista di una cordata di imprenditori in grado di rilevare la Telecom, riporta in primissimo piano e rivaluta come urgentissima l’approvazione di una normativa in grado di cancellare definitivamente ogni possibile conflitto d’interesse, specie nel caso di un’azienda che copre una parte considerevole del mercato delle telecomunicazioni”. Lo ha detto il ministro per le Politiche giovanili e le Attività sportive Giovanna Melandri. “E’ opportuno –dunque – ha aggiunto l’esponente diessina – che prima di tutto il presidente di Forza Italia dichiari in maniera ufficiale la sua scelta imprenditoriale del tutto legittima in un paese democratico e liberale. Altrettanto doveroso, è però che il Parlamento legiferi per impedire un’insostenibile sovrapposizione di ruoli ed interessi. E’ comunque giusto, pretendere da Silvio Berlusconi, eventuale imprenditore anche delle Tlc, l’abbandono della scena politica una volta per tutte”.