MCCAIN: AZZARDO MORALE SE GOVERNO SALVA AIG

16 Settembre 2008, di Redazione Wall Street Italia

Secondo il candidato repubblicano alla Casa Bianca John McCain il governo americano non deve alzare un dito per salvare il gigante delle assicurazioni in crisi Aig se non vuole che il peso del salvataggio ricada sui contribuenti. “L’azzardo morale è un tema che dobbiamo affrontare di pettO, ha detto McCain in una intervista oggi alla Cnbc. McCain ha parlato mentre Aig è in una corsa contro il tempo per ottenere 75 miliardi di dollari di prestiti da Goldman Sachs e JP Morgan Chase. Il governatore di New York David Paterson, apparso sulla Cnbc subito dopo McCain, ha detto che il colosso assicurativo ha ancora un giorno di tempo per reperire liquidità necessaria a restare in vita.


Per por fine all’era dell’azzardo morale, il rischio cioé che gli investitori entrino in contratti in malafede sapendo che il governo ha pronto il paracadute, McCain ha proposto una commissione di inchiesta in stile 11 settembre. Il senatore del’Arizona ha sparato a zero contro “l’avidità” e “gli eccessi” di Wall Street e chiesto nuove regole: il lavoratori americani “sono diventate vittime di una violazione del contratto sociale tra capitalismo e cittadini”.


Il candidato repubblicano ha fatto oggi l’en plein delle interviste televisive sui programmi della mattina. Alla MsNbc ha garantito che non ci sarà un’altra crisi finanziaria se gli americani lo eleggeranno presidente. Alla Fox ha definito “osceni” i bonus incassati dai capitani di Wall Street durante la crisi e suggerito che ci possano essere “vie legalì per recuperare parte di questi soldi”.