MACRO & MERCATI: IN CALO I TASSI EUROPEI

26 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

Il contenuto di questo scritto esprime il pensiero dell’ autore e non necessariamente rappresenta la linea editoriale di Wall Street Italia, che rimane autonoma e indipendente.

(WSI) –
In area Euro è atteso il dato di M3 di giugno e l’indice Ifo tedesco di luglio. Negli Usa oggi sono attesi gli ordini di beni durevoli e le vendite di nuove abitazioni relative ai mesi di giugno.

Tassi di Interesse: in calo i tassi di mercato europei. Il calo ha interessato tutta la curva ed in particolare la parte a lungo termine con la pendenza scesa sotto i 3 pb. Si allarga lo spread Italia e Germania dopo che S&P ha criticato l’accordo sulla riforma delle pensioni italiana. Oggi sul dieci anni il supporto si colloca a 4,37%.

Negli Usa i tassi di mercato sono rimasti pressoché invariati, con la pendenza di curva sul tratto 2-10 anni stabile intorno ai 17pb. In rialzo le breakeven inflation grazie alla crescita del prezzo del greggio. Le vendite di case esistenti sono scese per il quarto mese consecutivo, toccando il livello più basso dal novembre 2002. Il prezzo mediano delle abitazioni ha però mostrato una variazione tendenziale positiva (+0,3%), tale evento non si verificava dal luglio 2006. Oggi sono attesi altri dati dal settore immobiliare relativi alle vendite di nuove abitazioni. Per oggi sul tratto decennale livelli di supporto si collocano a 4,89% e 4,85%. La resistenza a 4,98%.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Valute: marcato apprezzamento del Dollaro vs Euro sulla speculazione che l’economia Usa sia in grado di assorbire l’impatto negativo del settore subprime. L’apprezzamento è stato favorito anche dal rimbalzo dei listini azionari Usa. Per oggi la resistenza si colloca a 1,37. Qualora il movimento prosegua al ribasso, il prossimo livello degno di attenzione si trova a 1,3640. La resistenza si colloca in area 1,3730/60. Lo Yen ha proseguito il proprio apprezzamento nella sessione di ieri, per poi deprezzarsi lievemente durante la notte. Verso Dollaro è stato raggiunto il supporto 119,80 che costituisce il principale livello di riferimento per contenere movimenti ribassisti del cross. Verso Euro l’apprezzamento è stato marcato, favorito anche dal contemporaneo calo dell’Euro/Dollaro. Per oggi i livelli di supporto si collocano a 164,75 e 164,20. La resistenza a 166,85.

Materie Prime: forte rialzo per il prezzo del greggio Wti nonostante l’aumento oltre le attese delle scorte di benzina. Tra i metalli industriali forte calo del piombo (-5,5%) dopo che Doe Run Resources ha annunciato la ripresa della produzione presso la raffineria Usa danneggiata il 13 luglio. Negativi anche gli altri metalli industriali come lo zinco (-1,8%), rame (-0,5%) ed il nichel (-1,7%). Calo marcato per i metalli preziosi con l’oro che ha perso poco meno dell’1% in seguito all’apprezzamento del Dollaro. Contrastati gli agricoli col rialzo del mais (+0,8%) ed il calo del grano (-0,5%).

Copyright © MPS Finance per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved