MACRO & MERCATI: GIORNATA RICCA DI NUMERI

26 Giugno 2007, di Redazione Wall Street Italia

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Finance Banca Mobiliare S.p.A. ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come
definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale
di WSI.

_______________________________________

(WSI) –
In Italia oggi è attesa la pubblicazione dell’indice della fiducia delle imprese di giugno, atteso in miglioramento. Negli Usa oggi sono in programma numerosi dati macro. Il principale sarà quello sulla fiducia dei consumatori di giugno che, considerato il rialzo del prezzo del greggio, potrebbe registrare un calo.

Tassi di Interesse: in area Euro, in una giornata caratterizzata da scarsi dati macro, i tassi di mercato sono scesi. Il calo ha interessato soprattutto la parte a medio e lungo termine della curva. Lo spread sul 2-10 anni è così sceso sotto i 18 pb. Per oggi in area Euro non sono attesi dati di rilievo e gli operatori resteranno in attesa del dato sulla fiducia dei consumatori Usa. Negli Usa i tassi di mercato sono calati, probabilmente gli investitori hanno alleggerito gli asset più rischiosi a favore delle obbligazioni. La pendenza di curva sul tratto 2-10 anni è lievemente calata a 21pb. In calo le breakeven inflation implicite nei Tips.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

La giornata odierna si presenta ricca di dati, che potrebbero rendere i mercati piuttosto volatili, soprattutto qualora la fiducia dei consumatori risultasse lontana dal consensus di mercato. Sul dieci anni la resistenza si colloca a 5,20% mentre il supporto al 5,05%.

Valute: bassa volatilità per il Dollaro contro Euro. Le posizioni nette lunghe sull’Euro/Dollaro da parte degli speculatori si mantengono in linea con la settimana precedente, cioè ben distanti dai livelli record toccati a metà maggio. Per oggi i livelli di resistenza si collocano a 1,3474/1,35 e 1,3555. I supporti a 1,3440 e 1,3380. Yen in apprezzamento dopo che Omi, ministro delle finanze giapponese, ha dichiarato come sia importante per gli investitori capire l’elevato rischio di una scommessa sui mercati valutari in un’unica direzione (riferendosi alla strategia di indebitarsi in Yen per acquistare asset più rischiosi). Verso Euro la resistenza si colloca a 166,90, mentre i livelli di supporto si collocano a 165,50 e 165. Verso Dollaro la resistenza passa da 124,14, mentre il supporto più vicino intorno a 123.

Materie Prime: invariato il prezzo del greggio Wti nonostante la fine degli scioperi in Nigeria. Le quotazioni continuano a mantenersi su livelli elevati a causa dei timori di produzione Usa di benzina insufficiente a soddisfare la domanda estiva. In rialzo i metalli industriali tra i quali segnaliamo il rame (+0,6%) grazie ai dati immobiliari Usa usciti in linea con le attese, ed allo sciopero in Cile. Ribassi per i preziosi. Tra le ‘soft’ forte calo del caffè (-3,2%) grazie alle condizioni meteo, favorevoli al raccolto, in Brasile.

Copyright © MPS Finance per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved