MACRO & MERCATI: ALERT PER I GESTORI DI BOND

18 Luglio 2007, di Redazione Wall Street Italia

*Questo documento e’ stato preparato da MPS Finance Banca Mobiliare S.p.A. ed e’ rivolto esclusivamente ad investitori istituzionali ovvero ad operatori qualificati, così come
definiti nell’art. 31 del Regolamento Consob n° 11522 del 1° luglio 1998 e successive modifiche ed integrazioni. Le analisi qui pubblicate non implicano responsabilita’ alcuna per Wall Street Italia, che notoriamente non svolge alcuna attivita’ di trading e pubblica tali indicazioni a puro scopo informativo. Si prega di leggere, a questo proposito, il disclaimer ufficiale
di WSI.

_______________________________________

(WSI) –
Oggi in area Euro non sono attesi dati macro di rilievo, mentre negli Usa la giornata odierna si presenta ricca di eventi importanti tra i quali citiamo il discorso di politica monetaria che Bernanke terrà davanti alla commissione finanziaria della Camera, ed i prezzi al consumo di giugno. Saranno rilasciati anche alcuni dati relativi al settore immobiliare.

Tassi di Interesse: nella giornata di ieri in area Euro i tassi di mercato sono saliti in linea con i mercati americani, dopo un calo temporaneo in seguito al deludente indice Zew. Lo spread sul tratto 2-10 anni si è mantenuto stabile intorno agli 8 bp. Stabili anche le breakeven inflation. Sul tasso a dieci anni il supporto si colloca a 4,51% mentre la resistenza a 4,67%.

Hai mai provato ad abbonarti a INSIDER? Scopri i privilegi delle informazioni riservate, clicca sul
link INSIDER

Negli Usa tassi di mercato in lieve rialzo dopo l’ottimo dato sulla produzione industriale ed una crescita dei prezzi core all’ingrosso di giugno. Il rialzo si è ridimensionato nel finale in linea con un ritracciamento dei listini azionari Usa. Le breakeven sono rimaste piuttosto stabili, anche se poi sono calate fortemente nel corso della notte. La giornata odierna sarà condizionata dagli importanti eventi in programma negli Usa, pertanto i mercati obbligazionari potrebbero esibire una certa volatilità, soprattutto durante il discorso di Bernanke o nel caso vi fossero sorprese dal Cpi. Sul tratto decennale il primo supporto oggi si colloca al 4,98%, la resistenza al 5,14%.

Valute: nel corso della notte il Dollaro ha toccato un nuovo livello minimo record verso Euro dopo che Bearn Stearns ha annunciato le perdite derivanti dagli hedge fund. Per oggi i livelli di resistenza possono essere individuabili intorno a 1,3850 ed 1,39. Il primo supporto a 1,3760 circa. Yen in lieve apprezzamento nel corso della notte probabilmente grazie al calo dei listini azionari asiatici che ha comportato la chiusura di alcune posizioni di carry trading. Verso Euro il cross si mantiene sempre in prossimità del massimo storico 168,95. Il supporto principale si colloca a 167. Verso Dollaro l’apprezzamento è stato più marcato complice la debolezza notturna del biglietto verde. Supporti a 121,50 e 120,95 circa. La prima resistenza si colloca a 122,40 circa.

Materie Prime: dopo essere salito oltre i 75$/b nel primo pomeriggio, il greggio Wti ha ripiegato chiudendo in lieve ribasso, in attesa dei dati settimanali sulle scorte Usa in programma per oggi pomeriggio. Andamento contrastante per i metalli industriali. Prosegue la crescita del piombo (+3,8%) aiutato dall’annuncio da parte della seconda raffineria mondiale, Doe Resources, di un’esplosione presso una propria fonderia. Positivo l’alluminio (+0,8%), mentre è calato il rame (-0,9%). Lieve calo per i preziosi nonostante la debolezza del Dollaro, su timori che le banche centrali europee possano continuare a vendere parte delle proprie riserve in oro.

Copyright © MPS Finance per Wall Street Italia, Inc. Riproduzione vietata. All rights reserved