LOMBARDIACOM PREVEDE 260 MLD DI RICAVI NEL 2003

29 Febbraio 2000, di Redazione Wall Street Italia

Lombardiacom, una delle compagnie telefoniche regionali partecipate dal fondo Kiwi di Elserino
Piol, conta di chiudere il 2000 con un fatturato di 25,5 miliardi per arrivare a 260 miliardi e al pareggio di bilancio nel 2003.

E’ quanto emerso dall’incontro stampa organizzato
dalla società, che punta approdare in Borsa tra fine anno e inizio 2001, per presentare l’offerta di servizi di telefonia fissa (voce e internet) per le famiglie e le imprese lombarde.

Con una tariffa unica pensata per superare la giungla dei prezzi proposti dagli altri operatori e grazie a una campagna pubblicitaria da 10 miliardi di lire, Lombardiacom – ha spiegato
l’amministratore delegato Riccardo Negro – mira ad almeno 100.000 clienti residenziali (altrettanti per l’abbonamento gratis a internet) e 15.000 utenti business (dai 1.500 attuali) entro fine anno.

“Per noi è importante avere il cliente poi
gli diamo il servizio utilizzando le reti Telecom, delle municipalizzate o di altri operatori, se sono disponibili a basso costo. In caso contrario investiremo direttamente nelle reti in fibra ottica e negli accessi Adsl” ha sottolineato
Piol, che ha preannunciato a breve accordi sulle infrastrutture.

Sono intanto in arrivo nuovi soci industriali che affiancheranno gli attuali azionisti (oltre a Kiwi I, Cofide, Part’Com, gruppo Popolare Bergamo, gruppo Popolare Vicenza, Finval e le utility
Camuzzi e Colombo).