Lo scudo fiscale sostiene il mercato immobiliare

13 Settembre 2010, di Redazione Wall Street Italia

(Teleborsa) – Lo scudo fiscale ha dato il via alla ripresa del mercato immobiliare italiano. Degli oltre 100 miliardi rimpatriati in Italia il 10% circa è stato destinato all’acquisto di immobili, dando una forte spinta alla ripresa del settore. Che per la prima volta dopo la frenata 2009 segna un’inversione di tendenza. Lo si legge in un articolo di Milano Finanza. La fotografano i dati Istat del primo trimestre 2010 che rilevano una crescita delle compravendite di case del 2,3%. Un ritorno al mattone con ricorso a finanziamenti per approfittare dei bassi tassi d’interesse. Sempre Istat ha infatti segnalato un aumento dei mutui di quasi il 14% tra gennaio e marzo. Il trend è destinato a continuare. Come segnala il Censis: un’indagine dell’istituto di ricerca prevede per il 2010 un aumento del numero delle compravendite: 630 mila unità residenziali a fine anno (+3,4% rispetto al 2009). I numeri sono ancora lontani da quelli registrati nel lungo ciclo positivo del decennio 1997-2007, quando si arrivò a scambiare più di 800 mila alloggi l’anno, ma si tratta pur sempre di un’importante inversione di tendenza.